Vijaya Vittala: musica nel tempio indiano!

18
Vijaya Vittala: musica nel tempio indiano!
Il tempio, conosciuto come Vijaya Vittala, possiede 56 colonne in totale, chiamate Sarigama dalle note della musica classica indiana. (Immagine: Push203 via wikimedia CC BY 3.0)

Possono le rocce produrre musica? Bé, si è scoperto che gli antichi architetti indiani erano davvero ossessionati da tale idea, tanto da creare un tempio di pietra le cui colonne se toccate producono suoni musicali! Ma ciò che è ancor più sorprendente è che quasi ogni pilastro del tempio emette un suono diverso.

Il tempio Vijaya Vittala possiede infatti 56 colonne. Sono conosciute come il termine Sarigama, dalle note della musicali indiane, sa, ri, ga, ma, ecc. Tuttavia alcune di esse sono a loro volta circondate da altre sette colonne minori, le responsabili dell’emissione delle note musicali.

Queste ultime hanno sorpreso archeologi, scienziati e curiosi viaggiatori per decenni. Infatti, percuotendolo con un dito, ogni singolo pilastro produce un suono unico e piacevole e sembra che più campane vengano suonate contemporaneamente. In particolare, alcuni dei pilastri suonano proprio come alcuni degli strumenti musicali indiani.

Tuttavia l’ingegno e le conoscenze necessarie per costruire questi pilastri hanno dato adito a diverse teorie cospirative. In particolare, la più popolare di esse presuppone che gli antichi indiani conoscessero la tecnologia della fusione della roccia. In tal modo avrebbero potuto creare i pilastri. Infatti le analisi più recenti dimostrano come questi contengano un misto di silicio e un minerale metallico.

Le colonne hanno sorpreso archeologi, scienziati e curiosi viaggiatori per decenni. ( Arian Zwegers via wikimedia CC BY 2.0 )

Tempio distrutto dagli invasori

Il tempio, però, subì distruzioni mirate attraverso i secoli. Il primo popolo fu quello dei Mughal. Essi, dopo aver conquistato la regione, provarono a bruciare il tempio e successivamente i pilastri, ma invano. Questo ne comportò però la grave perdita di decibel. Ad oggi, infatti, i suoni prodotti dai pilastri sono ritenuti più ovattati, più miti di quelli prodotti prima dell’assalto.

Successivamente fu la volta dell’ Inghilterra. Tale nazione depredò il paese. Tentò in tutti i modi possibili di danneggiare ulteriormente il tempio. Sorpresi dalle note musicali prodotte dai pilastri, gli inglesi ne tagliarono due per esaminarli più dettagliatamente. Scoperto che non contenevano nulla li gettarono nel tempio, dove tutt’ora sono custoditi.

Il tempio della musica in India!
Quando scoprirono che i pilastri non contenevano nulla, li gettarono nel tempio. Tutt’oggi questi possono essere visti all’ interno del complesso. (Immagine: Balraj D via wikimedia CC
BY-SA 4.0)

Patrimonio mondiale

Il tempio di Vijaya Vittala è situato nel villaggio di Hampi, nello stato del Karnataka. Si trova a circa 350 km dalla capitale Bengaluru e a circa 65 km da Bellary. È considerato uno dei migliori esempi di architettura in stile dravidico della regione. Si ritiene inoltre che venne costruito intorno al quindicesimo secolo dall’impero Vijayanagara. Adornato con incisioni meravigliosamente dettagliate, è dichiarato patrimonio dell’umanità dall’ Unesco, sotto la protezione del governo indiano.

In particolare i visitatori sono ammessi dalle 8,30 del mattino alle 17 del pomeriggio, senza particolari quote di iscrizione. Il periodo migliore per visitare il luogo è da novembre a febbraio. Inoltre il governo ha installato proiettori che offrono una magnifica vista del tempio anche di notte. Per tali motivi, in caso di viaggio in India, si consiglia vivamente di visitare il tempio.

Articolo in inglese:
http://www.visiontimes.com/2018/07/01/the-musical-pillars-of-vijaya-vittala-temple.html