La musica classica beneficia il corpo umano

67
Gli antichi credevano che il sistema musicale a 5 toni – il palazzo, il mercante, il corno, il tributo e la piuma – gli equivalenti del do-re-me-sol-la della musica Occidentale, corrispondono ai cinque organi interni del corpo umano — milza, polmoni, fegato, cuore e reni. Questi a turno corrispono alle “cinque emozioni” – pensiero, tristezza, rabbia, gioia e paura.

La musica che si ascolta può avere un effetto terapeutico sulla propria salute. Suoni positivi di una musica dolce, come quella classica, possono avere il potere di armonizzare il corpo e la mente.

Una donna americana di nome Edith Zook, ottantatreenne, soffriva di battito cardiaco irregolare. Ciò le causava degli svenimenti improvvisi. Il 15 gennaio 2006 Zook si sottopose ad un intervento nella città di Urbana, nello stato dell’Illinois. Durante l’operazione, un musicista suonava sulla sua arpa il “Canone in D maggiore” di Pechelbel. Il medico Abraham Kocheril si è accorto che la frequenza emessa dallo strumento, era in grado di armonizzare il ritmo cardiaco di Zook. Così in poco tempo il battito è tornato regolare.

Musica classica e salute

Alcuni pazienti che non sembrano rispondere a differenti stimoli hanno invece avuto dei risultati positivi, se esposti ad un certo tipo di musica. Questo succede perché la sensibilità dei nervi del corpo alla musica è pari a quella del dolore. Quindi i medici la usano per alleviare il travaglio del parto o nei trattamenti dentali. Si è visto come essa aiuti nei diversi aspetti sintomatici del cancro e durante gli effetti collaterali delle chemioterapie.

musica classica terapeutica
Studi confermano che la musico-terapia può aiutare a migliorare il ritmo cardiaco dei neonati precoci, migliorare il loro appetito e il sonno. Essa può anche aiutare i pazienti colpiti da infarto o danni cerebrali a recuperare le loro funzioni cognitive. (Immagine: Epoch Times)

Antiche conoscenze dalla Cina

Tutto questo è in accordo con la comprensione della musica tradizionale Cinese. Gli antichi compresero che la musica ha la capacità di purificare l’anima, correggere il corpo e la mente e curare le malattie.

Il carattere originale Cinese “药” (che significa “medicina”) era in realtà l’unione dei due caratteri “草” (“erba”) e “乐” (“musica”), stando a significare che la musica può guarire come, appunto, un’erba medicinale.

La musica cinese utilizza il sistema musicale a 5 toni – il palazzo, il mercante, il corno, il tributo e la piuma – gli equivalenti del do-re-mi-sol-la della musica Occidentale. Essi corrispondono ai cinque organi interni del corpo umano — milza, polmoni, fegato, cuore e reni. Questi a turno corrispondono alle “cinque emozioni” – pensiero, tristezza, rabbia, gioia e paura.

Il sistema musicale a cinque toni può riequilibrare i cinque organi interni, attraverso le cinque emozioni. Ad esempio, il tono del mercante purifica i polmoni. Ascoltare il tono del mercante aiuta a prevenire i raffreddori e migliora l’apparato respiratorio. Allo stesso tempo, i polmoni controllano la tristezza e se essa è troppa li può danneggiare. Ascoltare musica composta secondo il tono del mercante migliora l’umore di una persona e può essere di grande beneficio.

musica classica terapeutica
Quando si parla specificatamente di musica Classica Cinese, sono stati osservati effetti benefici nelle persona che la suonano o l’ascoltano. (Immagine: IQRemix from Canada via flickrCC BY-SA 2.0)

Allunga la vita

Tuttavia, non tutta la musica è benefica per la salute. La musica moderna – come l’heavy metal, l’hip hop e la musica punk – può anzi risultare dannosa. Nel 2014 il medico Russo Vladimir N Anisimov fece una ricerca su 8775 musicisti. Egli ha osservato che i musicisti rock avevano un’aspettativa di vita più corta. Nello specifico gli uomini sui 43.6 anni e le donne sui 37.6. Invece ha concluso che su quattro casi su cinque in cui le persone superavano i 90 anni, erano sempre musicisti classici – arpisti, compositori, violinisti, violoncellisti.

Una ricerca dell’ Università di Berkeley in California ha confermato che le persone coinvolte in musica moderna come heavy metal e hip hop hanno una vita più breve, rispetto ai loro colleghi che si dedicano alla musica classica.

Articolo in Inglese: http://www.visiontimes.com/2019/06/22/classical-music-has-a-therapeutic-effect-on-the-human-body.html