Il Lago del Sole e della Luna dell’antico popolo Thao

64

Gli aborigeni Thao di Taiwan possiedono un’ interessante storia su come Il Lago del sole e della luna abbia preso il suo nome. (Immagine: Eddy Tsai via flickr CC BY-SA 2.0)

Quella che segue è una leggenda delle popolazioni aborigene Thao di Taiwan, su come il Lago del Sole e della Luna abbia acquisito il suo nome.

C’era un tempo una coppia di amanti laboriosi di nome Dajiange e Shuishe. Un giorno, mentre la coppia lavorava nel campo sotto al sole, la terra tremò e le montagne si agitarono; il cielo e la terra diventarono neri. Le persone della tribù aspettarono, ma non videro il sole, e i loro cuori si riempirono di paura.

Nel pomeriggio sorse la luna, e tutti ebbero abbastanza chiarore per finire il proprio lavoro giornaliero. Ma la disgrazia accadde di nuovo, e anche la luna scomparve. Per cui, si decise di fare un’assemblea e discutere su come risolvere il problema. Dajiange e Shuishe si offrirono volontariamente di trovare il sole e la luna per la tribù, così che potessero tornare alle loro solite vite.

Portando con sé del cibo povero, viaggiarono per giorni interi, e finalmente li trovarono in un grande specchio d’acqua. Tuttavia, quando osservarono attentamente, videro che due draghi colorati stavano giocando con essi sott’acqua. Si fermarono, guardandosi preoccupati, perché non sapevano come sconfiggerli e recuperare il sole e la luna.

Il Lago del Sole e della Luna dell'antico popolo Thao
Non sapevano come sconfiggere i draghi e recuperare il sole e la luna. (Immagine: Screenshot / Youtube)

Proprio mentre si preoccupavano, un anziano signore, che era stato costretto dai draghi a lavorare per loro, disse agli innamorati di trovare un paio di forbici d’oro e un’ascia dorata nella montagna di Ali; con quelle avrebbero potuto sconfiggerli. Ovviamente, trovare i tesori non era un compito facile. Dopo aver ascoltato l’anziano signore, la coppia corse al monte Ali per scavare il suolo con gli scalpelli, pollice dopo pollice. Dopo un grande sforzo, trovarono i tesori, tornarono al lago, e uccisero i draghi.

Proprio mentre la coppia si domandava come far tornare il sole e la luna in cielo, l’anziano signore comparve di nuovo. Si congratulò con loro per aver sconfitto le pericolose creature, e disse che sarebbero potuti diventare dei giganti se avessero mangiato l’occhio di un drago. Così, sarebbero riusciti a riposizionare il sole e la luna nel cielo. Entrambi allora mangiarono un occhio del drago e diventarono giganti, quindi presero il sole e la luna e li portarono in alto. Dopo diversi tentativi, finalmente li ricollocarono nelle loro posizioni originali nel cielo, e il paradiso e la terra tornarono normali.

Da allora in poi, lo specchio d’acqua dove il sole e la luna erano caduti fu chiamato “Lago del Sole e della Luna”. C’erano due grandi montagne a entrambi i lati del lago, chiamate Dajian-shan e Shuishe-shan — l’incarnazione del marito e della moglie a guardia del Lago del Sole e della Luna. Ad oggi, la popolazione Thao tiene ogni anno una “danza del lancio della palla” sulla riva del lago, per esprimere il proprio apprezzamento verso il gesto retto della coppia.

Articolo inglese: http://www.visiontimes.com/2019/04/03/taiwanese-folk-tale-the-legend-of-sun-moon-lake.html