Buon riso – vivere ancora? NO, non voleva morire!

29
Buon riso - vivere ancora? NO, non voleva morire!

Un centenario e i suoi ospiti alla festa per il suo centesimo compleanno. (Immagine: Bernadette Wolf / Vision Times)

Un vecchio stava celebrando il suo centesimo compleanno. Un ospite gli fece i complimenti: “Congratulazioni per la tua longevità! Ti auguro di vivere fino a 120 anni!” Il vecchio era furioso e rispose: “Non vivo con la tua famiglia, perché vuoi mettere un limite alla mia età?”

Un altro disse: “Ti auguro di poter vivere quanto gli alberi di pino.” L’anziano si accigliò e rispose scontento: “I pini vivono a lungo, ma alla fine muoiono.” Un altro disse: “Ti auguro di vivere a lungo quanto la Montagna del Sud.”

Il vecchio non era ancora contento e disse: “Anche la montagna del Sud collasserà prima o poi”.

Allora gli ospiti chiesero: “Non vuoi vivere a lungo quanto i pini, la Montagna Sud e nemmeno altri 20 anni. Allora che cosa desideri?” Il vecchio rispose: “Non importa, non voglio vivere 120, migliaia o decine di migliaia d’anni, io non voglio proprio morire!”

A proposito di  “Buon riso”

Buon riso - vivere ancora? NO, non voleva morire!
(Immagine: Bernadette Wolf / Vision Times)

Buon riso  (笑得好) è una collezione di piccoli racconti redatti dal dottor  Cheng-Jin Shi (石成金) della Dinastia Qing (1636-1912). Questa collezione può essere considerata come la versione Cinese delle “favole di Esopo”. Si pensa che il dottor Shi sia vissuto tra i regni di Kangxi e Qianlong ed è stato autore di molti altri libri sui rimedi per la vita e la salute.

“Buon riso”  è una raccolta di storie pensate per nutrire il cuore. Nella prefazione, il dottor Shi scrisse: “Le persone sono divertite dall’umorismo; io le ispiro con l’umorismo. È benefico per il cuore, ma può anche salvare una vita, come l’agopuntura”.

Articolo in inglese: http://www.visiontimes.com/2018/07/14/hard-to-please.html