I legislatori statunitensi denunciano la decisione di Apple di accettare la censura cinese

27
Diversi legislatori americani hanno inviato una lettera al CEO di Apple Tim Cook, colpendolo per aver rimosso l'app Hkmap.live dal suo app store per placare Pechino.  (Immagine: MaryG90 via wikimedia CC BY-SA 3.0)
Numerosi legislatori americani hanno inviato una lettera al CEO di Apple Tim Cook, accusandolo di aver rimosso l’app Hkmap.live dal suo app store per placare Pechino. (Immagine: MaryG90 via wikimedia CC BY-SA 3.0 )

Apple ha recentemente rimosso un’app denominata HKmap.live dal suo app store che veniva utilizzata dai manifestanti di Hong Kong per identificare i luoghi in cui erano riunite le forze dell’ordine. La rimozione, che si dice sia stata fatta per evitare di affrontare l’ira di Pechino, è stata criticata dagli attivisti democratici di tutto il mondo. Diversi legislatori americani, tra cui i repubblicani Marco Rubio e Ted Cruz e i democratici Ron Wyden e Alexandria Ocasio-Cortez, hanno inviato una lettera al CEO di Apple Tim Cook, colpendolo per aver fatto una mossa pro-Cina.

Lettera ad Apple

La lettera inizia ricordando a Cook che l’anno scorso aveva dichiarato pubblicamente che Apple non aveva paura di lasciare che i loro “valori” guidassero decisioni curative. Eppure, la società è andata avanti per rimuovere HKmap.live per placare Pechino. La lettera cita circa 2.200 app che Apple ha rimosso in Cina, comprese quelle che offrivano servizi VPN e app create e utilizzate da comunità minoritarie come tibetani e uiguri.

“Il governo cinese sta diventando sempre più aggressivo nei suoi tentativi di dettare termini alle corporazioni statunitensi … casi come questi destano reale preoccupazione se Apple e altre grandi società statunitensi si piegheranno alle crescenti richieste cinesi piuttosto che perdere l’accesso a oltre un miliardo di consumatori cinesi “, Afferma la lettera ( Fast Company ).

I legislatori hanno invitato la società a invertire la rotta, il che è qualcosa che sembra impossibile dato che Apple ha una grande partecipazione nel mercato cinese. La società guadagna circa 50 miliardi di dollari di vendite ogni anno nella nazione asiatica. Anche se il numero delle vendite è diminuito negli ultimi mesi a causa di un rallentamento dell’economia e di una maggiore concorrenza, il puro potenziale del mercato è abbastanza allettante per Apple da fare qualsiasi cosa Pechino richieda.

(Immagine: Screenshot / YouTube)
I legislatori statunitensi, tra cui Marco Rubio, Alexandria Ocasio-Cortez e Ted Cruz, hanno esortato Apple a invertire la rotta. (Immagine: Screenshot / YouTube )

L’app è stata criticata dai media cinesi perché utilizzata da manifestanti violenti. Cook ha persino sostenuto in una lettera ai suoi dipendenti di aver ricevuto “informazioni credibili” sul fatto che l’app fosse utilizzata per colpire e attaccare la polizia di Hong Kong. Tuttavia, nessun media ha segnalato alcun incidente dell’app coinvolto in atti violenti contro agenti. Il CEO ha continuato a incontrare il direttore generale cinese dell’Amministrazione statale per la regolamentazione del mercato una settimana dopo la rimozione dell’app.

“Le due parti hanno avuto scambi approfonditi su una vasta gamma di argomenti, tra cui l’espansione degli investimenti e lo sviluppo del business in Cina, la protezione dei diritti e degli interessi dei consumatori e l’adempimento della responsabilità sociale delle imprese”, ha dichiarato una nota del regolatore ( Hong Kong Free Press ). I produttori di HKmap.live hanno definito la mossa di Apple di vietare la loro app una chiara “decisione politica di reprimere la libertà”.

Lettera Blizzard

I legislatori statunitensi hanno anche inviato una lettera alla società americana di videogiochi Activision Blizzard dopo aver sospeso un giocatore professionista per un anno con l’accusa di aver esteso il supporto alle proteste di Hong Kong. Perfino i suoi guadagni furono trattenuti come punizione.

(Immagine: Screenshot / YouTube)
Activision Blizzard ha sospeso il giocatore Chung “Blitzchung” Ng Wai dopo aver detto “Liberate Hong Kong, Revolution of our Times” in Mandarin durante un live streaming del torneo Hearthstone. (Immagine: Screenshot / YouTube )

“La tua azienda afferma di essere al” diritto di esprimere pensieri e opinioni individuali “, eppure molti dei tuoi dipendenti credono che la decisione di Activision Blizzard di punire il signor Chung [il giocatore] sia in contrasto con quei valori … Perché la tua azienda è un tale pilastro del settore dei giochi, la tua decisione deludente potrebbe avere un effetto agghiacciante sui giocatori che cercano di utilizzare la propria piattaforma per promuovere i diritti umani e le libertà di base “, afferma la lettera ( The Hollywood Reporter ).

Dopo intense critiche mediatiche, Blizzard ha ripristinato le vincite del giocatore e ha ridotto il suo divieto a sei mesi. Tuttavia, altri tre giocatori che hanno anche mostrato simpatia per le proteste di Hong Kong sono stati schiaffeggiati con un divieto.

Articolo in inglese: http://www.visiontimes.com/2019/10/31/us-lawmakers-slam-apples-decision-to-accept-chinese-censorship.html