Un A P-8A Poseidon è stato attaccato dai cinesi. (Immagine: wikimedia / CC0 1.0)

Un bombardiere cinese ha usato un arma laser contro un caccia della Marina USA che stava sorvolando l’Oceano Pacifico. L’incidente è avvenuto a circa 380 miglia da Guam, nel Mar delle Filippine, dove l’america ha una consistente presenza militare. Il caccia, un P-8A Poseidon, stava operando dalla base aerea di Kadena che si trova sull’isola di Okinawa, in Giappone.

Attacco agli asset USA


«Il laser, non visibile ad occhio nudo, è stato catturato da un sensore a bordo dell’ P-8A. Le armi laser possono causare seri danni ai piloti e ai marinai, così come ai sistemi sia navali che aerei», ha dichiarato la US navy, riportato da Popular Mechanics. La marina americana ha accusato la Cina di violare i regolamenti internazionali colpendo il velivolo, che si trovava sopra acque internazionali.

Un arma laser può potenzialmente danneggiare gravemente i sensori elettro-ottici a bordo, danneggiare la struttura del velivolo e ferire l’equipaggio. Il P-8A è stato progettato per scandagliare l’oceano e cercare asset nemici come sottomarini e simili e può anche essere usato per missioni di ricognizione ed intelligence. Al presente il P-8A può solo dotarsi di missili anti nave e torpedo anti-sottomarini, anche se è in corso d’opera l’integrazione a bordo di missili a lungo raggio.

Alcuni suggeriscono che il P-8A possa aver volato troppo vicino al bombardiere cinese, motivo per cui è stato visto e attaccato. Non è chiaro quale tipo di bombardiere cinese abbia attaccato l’aereo americano. Tuttavia, l’attacco è un chiaro segnale che Pechino sta diventando sempre più aggressiva in acque internazionali : un attacco simile è stato lanciato nel 2018 contro la base USA a Djibouti, quando la Cina ha usato armi laser per interferire con le attività militari americane nella regione. Gli USA hanno dovuto emanare un avviso ai loro piloti, esortandoli alla cautela quando volano in certe regioni. «L’incidente ha causato due ferite lievi agli occhi dell’equipaggio del C-130, causati da esposizione a raggi laser da arma militare. Si è capito che la provenienza di tali raggi è una vicina base militare cinese». (CNN)

la cita utilizza arma laser contro caccia usa

Due membri dell’equipaggio a bordo del C-130 hanno accusato ferite agli occhi a causa di un attacco. (Immagine: wikimedia / CC0 1.0)

Cina nel Pacifico

Un documento pubblicato l’anno scorso dallo United States Studies Center di Sydney mette in guardia che la forza militare cinese in crescita possa diminuire l’influenza USA nella regione. Questo cambio di primato sta avvenendo a causa della rapida modernizzazione delle forze militari cinesi. Pechino ha investito pesantemente in missili cruise e missili balistici convenzionali: si crede che questi arsenali formino il centro delle attività di «contro – intervento» cinese.
Gli analisti fanno notare che gli «effetti combinati delle guerre in corso in medio oriente, l’austerità del budget, i tagli agli investimenti in avanzate tecnologie militari e l’approccio liberale dell’america in materia, hanno lasciato le forze armate mal preparate per una competizione nell’area dell’indo-pacifico». (Defense News)
Alcuni missili a lungo raggio cinesi possono raggiungere anche basi militari USA, ritenute chiave, come quella di Guam.

Il documento chiede all’Australia di spostare alcune delle sue forze difensive dall’area del Medio Oriente a quella dell’Indo Pacifico. Dato che la Cina ha messo gli occhi sull’antartico, è inevitabile che l’esercito cinese cercherà di appropriarsi di una regione per sè in futuro.

È probabile che la Cina cercherà di appropriarsi di una regione dell’Antartide per sé in dato momento in futuro. (Immagine: wikimedia / GNU FDL)

Articolo in inglese: https://www.visiontimes.com/2020/03/09/china-fired-a-laser-at-an-american-aircraft.html