Artista di Shen Yun racconta gli orrori vissuti Nella Cina Comunista

Il governo cinese stava reprimendo brutalmente i praticanti del Falun Gong, pagando persone perché propagandassero la superstizione.
La suonatrice di Pipa Yu Liang della Shen Yun Performing Arts ricorda come lei e la sua famiglia siano state perseguitate in Cina per le loro convinzioni. (Immagine: Shen Yun)

Yu Liang è membro della Shen Yun Performing Arts, una compagnia che viaggia in tutto il mondo diffondendo la cultura cinese e denunciando la brutalità del regime comunista cinese. Mentre viveva nella Cina comunista, Yu ha dovuto subire miseria e impotenza perché la sua vita e quella della sua famiglia venivano lentamente distrutte dalle forze filocomuniste del paese.

Una vita orribile in Cina

Yu ricorda una mattina dell’agosto 1999, quando sua madre la svegliò e le chiese se avrebbe praticato gli esercizi della Falun Dafa con lei. Da bambina, Yu non era consapevole del clima politico di quei tempi. Dopotutto, aveva solo 4 anni. Il governo cinese stava reprimendo brutalmente i praticanti del Falun Gong, pagando persone perché propagandassero la superstizione. Praticare il Falun Gong all’aperto era sostanzialmente un invito alla persecuzione da parte del regime comunista. E purtroppo è proprio quello che è successo.

Dopo pochi minuti di esercizi del Falun Gong, Yu ha improvvisamente aperto gli occhi dopo che veniva disturbata dai rumori che la circondavano. Ha visto un gruppo di poliziotti e agenti segreti venire verso di lei. Hanno portato via sua madre in un furgone insieme a tutte le partecipanti femminili del gruppo di esercizi. Yu era l’unica rimasta, chiedendosi cosa fosse successo. Sua madre rimase in detenzione per circa un anno. Dopo il suo rilascio, sua madre ha presentato una petizione al governo per i maltrattamenti subiti. Tuttavia, questo ha portato solo ulteriore sofferenza, poiché ha subito più e più volte l’arresto e la detenzione.

papaveri campo
Papaveri in un campo.
Yu è stata separata dalla madre quando aveva solo quattro anni. (Immagine: Pixabay / CC0 1.0)

Profondo timore

Per quasi due anni, Yu non ha mai visto sua madre. E nel 2001, ha avuto solo la compagnia del padre. Yu ha chiesto più volte a suo padre quando sua madre sarebbe tornata. Ogni singola volta, il padre le sussurrava che la mamma sarebbe tornata presto. Con il passare degli anni Yu è passata dall’essere una studentessa di scuola elementare ad una studentessa universitaria, ha dovuto affrontare continue vessazioni per la sua decisione di non aderire al partito comunista. Yu è stata persino interrogata. Entrambi i suoi genitori erano bersaglio di continui soprusi sul posto di lavoro.

«Le notizie dei colleghi praticanti – gli zii, le zie, i nonni, le nonne, i fratelli e le sorelle maggiori che conoscevo fin da bambina – su come fossero stati arrestati illegalmente, mandati nei campi di lavoro, o incarcerati… sembravano infinite… Ogni giorno in Cina, vivevo nel profondo timore che quei tempi da incubo tornassero a perseguitarci. Mi chiedevo continuamente se sarei stata la prossima», disse a Shen Yun.

Yu  suonatrice pipa Shen Yun
La suonatrice di Pipa Yu Liang .Mentre gira il mondo, la mente di Yu torna a casa sua in Cina, un posto dove non potrà più esibirsi. (Immagine: Shen Yun)

Da Adulta incontra Shen Yun

Nel 2015, Yu ha deciso di lasciare la Cina comunista. Era un’esperta suonatrice di pipa e alla fine si è unita all’orchestra di Shen Yun. Mentre gira il mondo, la mente di Yu torna a casa sua in Cina, un luogo dove non potrà più esibirsi da quando Pechino ha bandito Shen Yun nel Paese. Ritiene che la brutalità comunista sia durata troppo a lungo e che sarebbe dovuta finire ormai.

Ma perché ciò avvenga, Yu potrebbe dover aspettare ancora un po’, almeno fino a quando gli stessi abitanti della Cina comunista non decideranno di spodestare il regime comunista una volta per tutte. È confermato che più di 4.300 praticanti del Falun Gong sono stati uccisi da Pechino, con altre migliaia di carcerati e torturati. Molti aderenti sono stati anche oggetto di prelievo forzato di organi da parte del regime cinese.

Tradotto da: Monica Padoan

Articolo in inglese: https://visiontimes.com/2020/09/27/shen-yun-pipa-player-recounts-horrors-of-living-in-communist-china.html