Barbados vuole diventare una Repubblica indipendente

L'isola caraibica è uno dei 15 paesi del Commonwealth, ex colonie che hanno mantenuto Elisabetta come capo di stato, fra di essi anche il Canada e l'Australia
barbados vuole essere una repubblica
Mia Mottley, nuova presidente delle isole Barbados. (Immagine: YouTube / Screenshot )

Barbados, meravigliosa, ricca e sviluppata isola dei Caraibi orientali, ha annunciato la sua intenzione di diventare una repubblica, rimuovendo perciò la regina Elisabetta II come capo dello stato.
«E’ giunto il momento di abbandonare completamente il nostro passato coloniale e di avere una capo di stato locale», è ciò che ha dichiarato il governatore generale Sandra Mason.


Dunque la nazione insulare caraibica mira a terminare il processo in tempo per il cinquantacinquesimo anniversario dell’indipendenza dalla Gran Bretagna nel novembre del 2021.
Tuttavia, una fonte di Buckhingam palace ha riportato che l’idea non è sorta all’improvviso, ma che è gia stata discussa pubblicamente molte volte.


Oggettivamente le Barbados sono una nazione economicamente stabile e fiorente. Ragion per cui, i suoi abitanti godono di uno dei redditi pro capite più alti della regione con una economia diversificata, una forza lavoro altamente istruita e con aziende qualificate.


Effettivamente non è la prima volta che un ex possedimento britannico nei Caraibi diventa una Repubblica: lo aveva già fatto la Guyana nel 1970, meno di 4 anni dopo aver conquistato l’indipendenza, seguita da Trinidad e Tobago nel 1976 e dalla Dominica nel 1978.