Come Confucio insegnava alle persone in base ai loro talenti

Confucio, grande e saggio maestro della Cina antica, diffuse i suoi insegnamenti tenendo in considerazione il popolo ispirandolo e mirando alle virtù. Di lui si dice che non fosse "mai stanco di imparare, mai stanco di insegnare agli altri".
Il grande pensatore cinese Confucio ha fondato la filosofia morale e la scienza politica del confucianesimo 2500 anni fa. (Immagine: Eden, Janine e Jim tramite Flickr CC BY 2.0)
Il grande pensatore cinese Confucio ha fondato la filosofia morale e la scienza politica del confucianesimo 2500 anni fa. (Immagine: Eden, Janine e Jim tramite Flickr CC BY 2.0)

Spesso considerato il “modello dei saggi ” della Cina, Confucio trascorse la sua vita trasmettendo la cultura tradizionale. Apprezzava Bildung, e per tutta la sua vita, non fu “mai stanco di imparare, e mai stanco di insegnare agli altri”. Il suo studente, Yan Hui, disse: “Confucio è bravo a guidare e ispirare le persone”. Lo studioso Zhu Xi della Dinastia Ming disse: “Il Maestro ha insegnato alle persone secondo i loro talenti”. Confucio insegnò a persone diverse in contesti diversi, lo rivelano alcune storie tratte da testi antichi.

Sii sempre gentile

In una conversazione che ebbe con i suoi studenti, Confucio spiega come affrontare le avversità.

Zi Lu disse: “Quando gli altri mi trattano con gentilezza, io li tratto con gentilezza; quando gli altri mi trattano con scortesia, io li tratto con scortesia “. Confucio commentò: “Questa è la pratica dei barbari che non hanno rettitudine morale e disciplina”.

Zi Gong disse: “Quando qualcuno mi tratta con gentilezza, io lo tratto con gentilezza; quando qualcuno mi tratta con scortesia, lo induco alla bontà “. Confucio commentò: “Questo è il modo in cui gli amici dovrebbero comportarsi gli uni verso gli altri”.

Yan Hui disse: “Quando qualcuno mi tratta con gentilezza, io lo tratto con gentilezza; quando qualcuno mi tratta con scortesia, io lo tratto con gentilezza e lo conduco al bene”. Confucio commentò: “Questo è ciò che si dovrebbe fare tra parenti. Se riesci ad estenderlo e trattare il mondo con sincerità, stai veramente trattando le persone con gentilezza!”

Consiglio di addio

Zi Lu, lo studente di Confucio, stava partendo per un lungo viaggio e venne a dirgli addio. Confucio chiese: “Devo presentarti un carro o un consiglio?” Zi Lu rispose: “Per favore, Maestro, dammi un consiglio”.

Fotografia del dipinto della dinastia Ming raffigurante Confucio con i suoi studenti.
Fotografia del dipinto della Dinastia Ming raffigurante Confucio con i suoi studenti. (Immagine: Wikimedia Commons CC-0)

Confucio disse: “Se non sei vigile nel miglioramento di te stesso, non sarai in grado di raggiungere i tuoi obiettivi a lungo termine; se non lavori diligentemente e non fai bene il tuo lavoro, non sarai efficace; se non tratti gli altri con sincerità e discrezione, non guadagnerai il loro rispetto; se non sei degno di fiducia, non potrai aspettarti che gli altri lo siano; e se non mostri sincerità e umiltà agli altri, non sarai in grado di seguire la correttezza e la disciplina. Se uno è attento in queste cinque questioni, sarà in grado di reggere a lungo in qualsiasi cosa faccia”.

‘Terra delle Tre Virtù

Una volta Confucio passò da un luogo chiamato Puyi che Zi Lu, il suo allievo, aveva governato per tre anni. Appena entrato nel territorio di Puyi, Confucio lo lodò dicendo: “Zi Lu ha fatto bene, è stato rispettoso e degno di fiducia”. Quando arrivò in città, Confucio lo lodò di nuovo, “Zi Lu ha fatto bene, è stato devoto e indulgente”. Quando arrivò al palazzo del governo di Zi Lu, Confucio non poté fare a meno di lodarlo di nuovo, “Zi Lu ha fatto un buon lavoro, essendo perspicace e deciso”.

Il suo studente Zi Gong stava viaggiando con lui e, tenendo le redini tra le mani, chiese a Confucio: “Il Maestro ha lodato Zi Lu tre volte per la sua bontà prima di vederlo. Potrei per favore sapere che cosa ha fatto bene? “

Confucio disse: “Ho osservato cosa aveva fatto. Quando sono entrato nel suo regno e ho visto i campi in ordine, i raccolti fiorenti, le erbacce estirpate e i corsi d’acqua tra i campi coltivati, è stato perché era rispettoso, prudente e degno di fiducia. Ha ispirato il popolo a fare del suo meglio”. 

Monumento di Confucio
Confucio insegnò ai suoi studenti a correggere i propri difetti. (Immagine: David Stanley tramite Flickr CC BY-2.0)

“Quando sono entrato nella sua città, ho visto che le mura e le case erano in buone condizioni, i mercanti prosperavano e gli alberi fiorivano. Era a causa della sua devozione e del suo perdono che le persone erano meticolose e non imprudenti”. 

“Quando sono arrivato alla sua corte, il cortile era pulito e le persone sotto di lui erano coscienziose e devote. Fu perché era saggio e deciso, e i suoi decreti non disturbavano il popolo. Sembra che il governo benevolo di Zi Lu abbia ottenuto risultati notevoli. Anche se l’ho lodato tre volte di seguito per il suo buon lavoro, come avrei potuto dire abbastanza su tutte le cose buone in lui?” 

Successivamente, Puyi divenne noto come il “Paese delle Tre Virtù”.

Governare è correggere i mali del tempo

Zi Gong chiese a Confucio: “Quando il duca di Qi ti ha chiesto un consiglio sul buon governo, hai risposto:” Il buon governo sta nel risparmiare denaro “. Quando il duca di Lu te lo ha chiesto, hai risposto: “Il buon governo sta nell’educazione dei propri sudditi”. Quando il Signore di Chu ha chiesto informazioni in merito, hai risposto: “Il buon governo è rendere felici coloro che sono vicini e quelli che sono lontani ritornano”. Tre persone hanno posto la stessa domanda, ma tu hai risposto in modo diverso, c’è un’interpretazione diversa?”

Confucio rispose: “Ogni uomo ha le sue situazioni. Quando il duca di Qi governava il paese, costruiva padiglioni stravaganti. Quando cacciava, includeva troppa terra. Ha dato via tre pezzi di terra in una sola mattina, le quali sarebbero potute servire per un migliaio di carri. Perciò, a lui risposi: ‘Governare bene è risparmiare denaro'”.

“Il duca di Lu aveva tre potenti ministri che formavano un piccolo gruppo e respingevano altri ministri. Allora gli ho risposto: “Governare bene è istruire i ministri”.

“Lo stato di Chu ha un vasto territorio ma una piccola capitale dove le persone si sentono alienate. Nessuno vuole stabilirsi e vivere lì. Pertanto, ho detto:”Governare bene è rendere felici quelli che sono vicini e far tornare i lontani “. Ho affrontato tre diverse situazioni in modi diversi “.

Cinque pratiche infauste

Il duca di Lu una volta chiese a Confucio: “Ho sentito dire che porta sfortuna costruire un’estensione a est di una casa. È vero?”

Confucio rispose: “Ci sono cinque tipi di cose infauste, ma aggiungere delle estensioni al lato est di una casa non è una di queste. È una sfortuna per la famiglia abbandonare gli anziani e prendersi cura solo dei bambini; è una sfortuna per una nazione abbandonare i saggi ma nominare gli indegni; è una sfortuna per i costumi sociali che i vecchi e i saggi siano poco disposti a insegnare, mentre i giovani rifiutino di imparare; è una sfortuna per il mondo che gli uomini di talento e virtù si ritirino, e gli sciocchi senza saggezza e virtù arrivino al potere.”

Un uomo superiore è sempre attento

Quando Zi Gong divenne governatore di Xinyang ed era pronto a prendere servizio, si congedò da Confucio, che gli consigliò: “Sii diligente, sii prudente, e dirigi la produzione agricola secondo le stagioni naturali. Non sottrarre, non sfruttare, non fare violenza e non rubare”. Zi Gong chiese: “Ho mai commesso il crimine di rubare da quando ho studiato con il maestro da giovane?”

Confucio rispose: “Non hai una comprensione profonda di questo. Sostituire una persona di talento e virtù con una persona priva di talento e virtù è rubare; sostituire una persona di talento con una persona priva di talento è sfruttare; essere indulgenti nel governo e duri nella punizione è violento; prendere tutte le cose buone per sé è ‘furto”‘.

Il furto non è solo quello che generalmente si chiama furto di proprietà. Ho sentito che i buoni funzionari seguono il decreto e favoriscono il popolo; quelli che non sono buoni distorcono il decreto e fanno soffrire il popolo, questa è la radice del malcontento pubblico”.

“Essere giusti, è il modo migliore per rettificare lo stile di governo; non c’è modo migliore per gestire la ricchezza e i beni dell’essere onesti. L’integrità e l’onestà non cambiano mai. Se si nascondono i punti di forza altrui, si seppelliscono i talenti; se non si evidenzia i reciproci difetti in privato ma ci si calunnia all’esterno, sarà impossibile andare d’accordo. Pertanto, non c’è luogo in cui una persona moralmente coltivata non stia attenta. Sii severo con te stesso e tollerante con gli altri in modo da poter usare la tua virtù e la tua saggezza a beneficio del popolo”.

Tradotto da: Monica Padoan

Articolo in inglese: https://www.visiontimes.com/2021/05/22/how-confucius-customized-instruction-to-each-student.html