I legislatori dello Utah mirano a chiudere gli Istituti Confucio della Cina comunista

La risoluzione sottolinea il fatto che l'anno scorso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti aveva definito il Confucius Institute United States Center come una «missione straniera» che trasmette la «propaganda multiforme» di Pechino
(Immagine: Kreeder13 tramite wikimedia CC BY-SA 4.0)

I legislatori dello Utah hanno presentato una risoluzione congiunta per la chiusura di tutti gli Istituti Confucio attivi nelle università e nei college statali.

La risoluzione è stata Introdotta dalla rappresentante repubblicana Candice Pierucci. Si sostiene che la chiusura di questi istituti sia necessaria per respingere l’influenza di Pechino sul sistema educativo statale.

«È essenziale che gli studenti del sistema di istruzione superiore dello Utah abbiano accesso alle offerte linguistiche e culturali libere dalla manipolazione del Partito Comunista Cinese e delle organizzazioni ad esso affiliate. Gli Istituti Confucio sono dotati in parte di insegnanti in visita dalla Cina e sono parzialmente finanziati dal governo della Repubblica Popolare cinese, sotto la guida del Dipartimento del Lavoro del Fronte Unito del Partito Comunista Cinese», afferma la risoluzione.

Dal 2014, 45 università americane di 30 stati diversi hanno chiuso gli istituti Confucio. Nello Utah, due università attualmente ospitano questi centri: la Southern Utah University e la University of Utah.

La risoluzione sottolinea un fatto. L’anno scorso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti aveva definito il Confucius Institute United States Center come una «missione straniera». L’istituto trasmette la «propaganda multiforme» di Pechino.

Amministrazione Biden ritira richiesta di rilevare legami finanziari delle istituzioni accademiche con Pechino

Il mese scorso, un gruppo di senatori repubblicani ha esortato il presidente Biden a incaricare le istituzioni accademiche americane di rivelare i loro legami finanziari con gli istituti Confucio. I senatori hanno affermato che la loro supervisione sugli istituti ha sollevato serie preoccupazioni sulla libertà accademica. Oltre che sull’obiettivo a lungo termine del Partito Comunista Cinese di influenzare le élite americane attraverso il sistema educativo.

Washington non ha risposto positivamente alla richiesta. Lo scorso dicembre l’amministrazione Trump aveva preparato la proposta e l’aveva presentata al Dipartimento per la Sicurezza Interna. Tuttavia Biden, nella sua prima settimana di mandato, l’ha ritirata silenziosamente.

statua Confucio
I legislatori dello Utah vogliono chiudere tutti i restanti Istituti Confucio all’interno dello stato. (Immagine: pixabay / CC0.1.0

Il repubblicano Michael McCaul ha criticato l’amministrazione per aver annullato la proposta senza consultare il Congresso. Ha affermato che l’industria dell’istruzione stia già nascondendo contratti e finanziamenti per miliardi di dollari ricevuti da varie fonti.

William Burns è il direttore della CIA di Biden, recentemente approvato dal Comitato dei Servizi Segreti del Senato degli Stati Uniti. Si definisce molto sospettoso nei confronti degli Istituti Confucio. Durante la sua udienza di conferma, Burns ha affermato che se egli fosse il presidente di un’università o di un college con un Istituto Confucio nel suo campus, lo farebbe chiudere.

Oltre ad Utah, l’università del Kentucky chiude l’istituto Confucio

L’Università del Kentucky ha annunciato di stare chiudendo l’Istituto Confucio nel suo campus con effetto immediato. La causa dipende dalle tensioni in corso tra Stati Uniti e Cina.

Il presidente Eli Capilouto ha inviato un’e-mail ai membri del campus. Li ha informati che la chiusura è stata innescata da preoccupazioni delle normative federali sull’idoneità dell’università a ricevere i fondi del Dipartimento della Difesa.

Nove college dell’università avevano ricevuto 50 milioni di dollari negli ultimi cinque anni e per vari progetti. Se l’università continuasse ad ospitare gli Istituti Confucio, i finanziamenti del Dipartimento della Difesa verrebbero bloccati. Il portavoce dell’università Jay Blanton ha detto che non è stata presa alcuna decisione su cosa fare con lo spazio dell’edificio una volta che l’istituto avrà lasciato il campus.

«Non abbiamo preso questa decisione alla leggera. I nostri partner internazionali, ora e in futuro, sono fondamentali per ciò che siamo come istituzione con portata e aspirazioni globali. Tuttavia non possiamo permettere che le correnti incrociate della politica federale e della geopolitica, questioni importanti di per sé, mettano a repentaglio la nostra ricerca e i nostri sforzi», ha affermato il presidente Capilouto nell’e-mail.

Tradotto da: Andrea Murgia

Articolo in inglese: https://visiontimes.com/2021/03/08/utah-lawmakers-aim-to-close-communist-chinas-confucius-institutes.html