I Pescatori Dell’Indonesia Sono Poveri Ma Felici

Nonostante siano tra le persone più povere della nazione, i pescatori indonesiani hanno una prospettiva più felice rispetto a quelli di altre professioni agricole. (Immagine: tramite pixabay CC0 1.0)

Un’ indagine in corso sulla vita familiare in Indonesia (IFLS), ha condotto statistiche sul benessere dei pescatori nel 2012 e nel 2015. Il questionario IFLS chiedeva loro anche quanto si sentissero felici cinque anni fa, attualmente e di prevedere i prossimi cinque anni.

L’oceano indonesiano è riconosciuto a livello internazionale per la sua abbondante vita marina. Il Triangolo del Corallo è soprannominato «l’Amazzonia degli oceani». È una vasta rete di barriere coralline che circonda la Malesia, le Filippine, le Isole Salomone, l’Indonesia, Timor Est e Papua Nuova Guinea. L’ecosistema sottomarino nel sud-est asiatico ospita il 30% delle barriere coralline del mondo e si estende per 2,3 milioni di chilometri quadrati. L’Indonesia dipende fortemente dal suo settore marino, che rappresenta oltre il 6,5% del PIL del Paese. Ben l’11,34 per cento della popolazione del settore ittico indonesiano è classificato come il più povero della nazione.

Diminuisce il numero di pescatori

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), di recente si è registrata una forte diminuzione del numero di famiglie che si dedicano alla pesca in molte parti del mondo, tra cui il Nord America e l’Oceania. I posti di lavoro nel settore della pesca vengono gradualmente sostituiti dal progresso tecnologico e da politiche che limitano la pesca eccessiva. Alcuni studi suggeriscono che la diminuzione dei nuovi pescatori che entrano nella professione è causato dal basso reddito, dalle condizioni estreme del mare e dalla separazione dai propri cari per lunghi periodi di tempo. Tuttavia, le ricerche indicano che i pescatori dell’Indonesia, nonostante la povertà e l’incertezza, sono generalmente soddisfatti della loro posizione.

In tutto il mondo, sono sempre meno le persone che si dedicano alla pesca come professione. (Immagine tramite pixabay CC0 1.0)

Il ruolo del governo

Il governo ha il dovere di proteggere i pescatori per il futuro della professione. Per esempio, potrebbe emanare norme migliori per la pesca e politiche per proteggere i piccoli pescatori. In caso contrario, i pescherecci su larga scala potrebbero continuare a sfruttare le acque indonesiane. Si è scoperto che molte barriere coralline e risorse ittiche sono diminuite notevolmente. Questo potrebbe essere in parte dovuto alle pratiche di pesca con la dinamite e il cianuro.

Un sistema clientelare, o quello che gli abitanti del luogo chiamano «punggawa-sawi», è piuttosto comune in tutto il Sud-Est asiatico. Metterebbe a contatto individui facoltosi con gruppi di pescatori. I mecenati offrono attrezzature per la pesca e interessanti prestiti ai pescatori in cambio di favori speciali come la manodopera e il pescato selezionato. I pescatori sono poi spinti a usare metodi come la pesca al cianuro per catturare pesci vivi. Questi metodi sono essenzialmente pericolosi per gli ecosistemi della barriera corallina. Il cianuro di potassio viene utilizzato per stordire i pesci e catturarli vivi. Tra le specie ittiche più ricercate ci sono lo sgombro spagnolo e il pesce napoleone.

Alcuni studi hanno scoperto che esiste anche una rete in cui i mecenati corrompono le autorità e proteggono i loro pescatori dall’essere perseguiti, sebbene la pesca al cianuro sia illegale in Indonesia.

Il rafforzamento di misure pratiche da parte dei governi per vietare la pesca distruttiva potrebbe aiutare il recupero delle specie. Si ritiene che la pesca al cianuro sia una causa diretta della morte e dell’estinzione del corallo vivo e della vita marina. In definitiva, riduce anche il pescato dei pescatori.

Per il bene del futuro della professione, i governi devono attuare misure pratiche per vietare le pratiche di pesca distruttive. (Immagine: tramite pixabay CC0 1.0)

Insolitamente felici della loro sorte

Gli studi hanno rilevato che i pescatori sono generalmente ottimisti sulla vita. Pongono più l’accento sulle relazioni familiari e sociali che sul loro status lavorativo. Percepiscono ancora oggi la loro professione come una professione alla pari con le altre nel settore agricolo, che vale la pena di perseguire per gli anni a venire. La libertà, l’avventura e la vicinanza alla natura sono una sorta di «terapia» che sembra aiutare ad alleviare la dura vita di un pescatore. Secondo alcuni studi, le calme acque dei Caraibi favoriscono le relazioni sociali e favoriscono una mentalità sana. Sarebbe un vero peccato perdere la professione di pescatore a causa del calo del numero di persone che entrano in questo campo.

Tradotto da: Massimiliano Volpato

Articolo in inglese: https://www.visiontimes.com/2020/07/01/fishermen-of-indonesia-poor-but-happy.html