Il discorso del Presidente Trump descrive la «Tremenda» frode elettorale: la trascrizione completa

La cosa più difficile che devo fare è spiegare perché non sta succedendo niente con tutte queste persone che sono state sorprese a spiare la mia campagna. Non è mai successo prima e non dovrebbe mai più succedere a un presidente degli Stati Uniti. Tutto quello che devi fare è guardare le udienze e vedere con i tuoi occhi. Le prove sono schiaccianti.

In un discorso preregistrato di 46 minuti, il presidente USA Trump ha esposto numerose accuse di frode riguardo le elezioni del 3 novembre, fornendo prove dettagliate, fornite da testimoni giurati. Definendolo «il discorso più importante che abbia mai fatto», le osservazioni di Trump giungono poiché molti media hanno proclamato l’elezione del candidato democratico Joe Biden, respingendo le accuse di frode come «infondate».

Vision Times non riconoscerà il vincitore fino a quando tutte le dispute non saranno state risolte in conformità con le procedure politiche americane e la Costituzione degli Stati Uniti.

Di seguito la trascrizione completa del discorso del Presidente Trump del 2 dicembre 2020.

PRESIDENTE TRUMP: Questo potrebbe essere il discorso più importante che abbia mai fatto. Voglio fornire un aggiornamento sui nostri continui sforzi per smascherare i tremendi brogli elettorali e le irregolarità che hanno avuto luogo durante le elezioni del 3 novembre, che si sono protratte per un periodo assurdamente lungo.

Avevamo quello che veniva chiamato il giorno delle elezioni, ma ora abbiamo i giorni, settimane e mesi di elezioni. Si sono manifestate numerose brutture in questo periodo di tempo assurdamente lungo , specialmente quando si parla di esercitare il nostro più grande privilegio, il diritto al voto, non c’è nulla da dover dimostrare. Come Presidente, ho l’altissimo dovere di difendere le leggi e la Costituzione degli Stati Uniti. Per questo sono determinato a proteggere il nostro sistema elettorale, che ora è sotto assalto e assedio coordinati.

Per mesi, prima delle elezioni presidenziali, siamo stati avvertiti che non avremmo dovuto dichiarare una vittoria prematura. Ci è stato detto ripetutamente che ci sarebbero volute settimane, altrimenti, mesi, per determinare il vincitore, per contare le schede per corrispondenza e per verificare i risultati.

Al mio avversario è stato detto di stare lontano dalle elezioni, di non fare campagna elettorale. «Non abbiamo bisogno di te. Ce l’abbiamo. Queste elezioni sono finite». In effetti, si stavano comportando come se sapessero già quale sarebbe stato il risultato. Avevano coperto tutto e forse lo hanno fatto, molto tristemente per il nostro Paese. Era tutto molto, molto strano. Nei giorni successivi alle elezioni, abbiamo assistito ad uno sforzo orchestrato di acclamare il vincitore sebbene molti stati chiave erano ancora in fase di conteggio.

Il processo costituzionale deve poter continuare. Difenderemo l’onestà del voto facendo in modo che ogni voto legale venga contato e che non venga conteggiato alcun voto illegale. Non si tratta solo di onorare i voti di 74 milioni di americani che hanno votato per me, ma di garantire che gli americani possano avere fiducia in queste elezioni e in tutte le elezioni future.

Oggi illustrerò in dettaglio alcune delle scioccanti irregolarità, abusi e frodi che sono state rivelate nelle ultime settimane, ma prima di esporre solo una piccola parte delle prove che abbiamo scoperto, e abbiamo così tante prove, voglio spiegare il corrotto sistema di voto per corrispondenza che i Democratici hanno sistematicamente messo in atto e che ha permesso di alterare il voto, soprattutto negli stati oscillanti, che dovevano vincere. Non sapevano che sarebbe stata così dura, perché eravamo in testa in ogni stato oscillante di così tanto, molto di più di quanto avessero mai creduto possibile.

Mentre si è capito da tempo che la macchina politica democratica si occupa di frodi elettorali da Detroit a Philadelphia, a Milwaukee, ad Atlanta, in tanti altri posti. Ciò che è cambiato quest’anno è stata l’implacabile spinta del partito democratico nel stampare e spedire per posta decine di milioni di schede elettorali inviate a destinatari sconosciuti senza praticamente alcuna garanzia di alcun tipo.

Questo ha permesso che si verificassero frodi e abusi in una scala mai vista prima. Usando la pandemia come pretesto, i politici e i giudici democratici hanno cambiato drasticamente le procedure elettorali solo pochi mesi e, in alcuni casi, settimane prima delle elezioni del 3 novembre.

Molto raramente erano coinvolti legislatori e costituzionalmente, dovevano essere coinvolti, ma ciò è avvenuto molto, molto raramente, e vedrete che mentre continuiamo a sporgere denuncia, è costituzionalmente, assolutamente sbagliato ciò che è accaduto, anche da un punto di vista legale.

Molti stati, come il Nevada e la California, hanno inviato milioni di schede elettorali a tutti gli elettori, sia che avessero richiesto o meno le schede, sia che fossero vivi o morti, hanno ricevuto le schede. Altri stati, come il Minnesota, il Michigan e il Wisconsin, hanno istituito il voto universale per assenza nel bel mezzo dell’anno elettorale, inviando moduli di richieste di voto per corrispondenza a tutti gli elettori su tutte le liste. Non importava chi fossero.

Questa colossale espansione del voto per corrispondenza ha aperto le porte a una massiccia frode. È risaputo che le liste elettorali sono piene di persone che non sono legittimamente ammesse a votare, compresi coloro che sono deceduti, che hanno lasciato il loro stato, e anche coloro che non sono cittadini del nostro Paese.

Al di là di questo, i registri sono pieni di errori, indirizzi sbagliati, doppioni e molti altri problemi. Questo non è contestato. Non è mai stato contestato. Dozzine di contee negli stati chiave oscillanti hanno più elettori registrati nelle liste di quanti ne abbiano cittadini in età di voto, tra cui 67 contee del Michigan. Tutto questo è una prova.

Nel Wisconsin, il Consiglio di Stato per le elezioni non ha potuto confermare la residenza di più di 100.000 persone, ma ha ripetutamente rifiutato di rimuovere questi nomi dalle liste elettorali prima delle elezioni. Loro sapevano il perché, nessun altro lo sapeva. Io sapevo il perché. Erano elettori illegali.

È una farsa che nell’anno 2020 non abbiamo alcun mezzo per verificare l’idoneità di coloro che hanno votato in un’elezione e un’elezione così importante, o per determinare chi sono, se vivono nello Stato o se sono addirittura cittadini americani. Non ne abbiamo idea.

In tutti gli stati oscillanti abbiamo un’infrazione importante o una vera e propria frode, che è molto di più in termini di numeri o di voti che di quanto non sia necessario per ribaltare i risultati di uno stato. In altre parole, in Wisconsin, ad esempio, dove eravamo molto in alto nella notte delle elezioni, alla fine ci hanno fatto perdere miracolosamente per 20.000 voti.

Posso mostrarvi proprio qui, che in Wisconsin, siamo in testa di molto e poi alle 3:42 del mattino, c’è stato questo, è stata un enorme affluenza di voti, per lo più per Biden, quasi tutti per Biden. A tutt’oggi, tutti stanno cercando di capire: «Da dove è giunta?» Ma io sono passato da una posizione di vantaggio di molto a una posizione di svantaggio di poco e questo è proprio qui. E’ alle 3:42 del mattino, questo è il Wisconsin, una cosa terribile, terribile, terribile, terribile.

Ma avremo molto di più, molte volte di più dei 20.000 voti necessari per rovesciare lo Stato. Se abbiamo ragione sulla frode, Joe Biden non può essere presidente.

Stiamo parlando di centinaia di migliaia di voti. Stiamo parlando di numeri come nessuno ha mai visto prima. Per fare un esempio, in alcuni stati, saremo sotto di, diciamo, 7.000 voti, ma troveremo più tardi 20.000, 50.000, 100.00, 200.000 discrepanze o voti fraudolenti, e questo include i voti che sono passati quando non potevano essere visti dagli osservatori di scrutinio repubblicani, perché gli osservatori di scrutinio sono stati chiusi fuori dall’edificio.

O persone che innocentemente sono venute a votare il 3 novembre, che erano tutte entusiaste del loro voto, ne erano felici. Erano orgogliose di essere cittadini degli Stati Uniti d’America, e si sono fatte avanti e hanno detto: «Vorrei votare». Gli è stato detto che non possono votare. «Mi dispiace», gli è stato detto. «Mi dispiace. Avete già votato per corrispondenza. Congratulazioni. Abbiamo ricevuto una scheda, quindi non potete più votare».

Non sapevano cosa fare. Non avevano nessuno con cui lamentarsi, la maggior parte se n’è andata e ha detto: «Che strano». Ma molte persone si sono lamentate e si sono lamentate con veemenza, e in molti casi hanno compilato una scheda provvisoria, che non è stata quasi mai utilizzata, ma in quasi tutti i casi si è trattato di un voto per Trump. In altre parole, sono andati a votare e gli è stato detto che hanno votato e non hanno votato. Se ne sono andati e hanno provato orrore e hanno perso il rispetto per il nostro sistema.

Questo è successo decine di migliaia di volte in tutto il paese. Ecco quanto erano disperati i democratici. Compilavano schede di persone che non sapevano nemmeno se queste persone si sarebbero presentate. Quando si presentavano, dicevano: «Mi dispiace, avete già votato».

Oltre a tutto il resto, abbiamo un’azienda che è molto sospetta. Il suo nome è Dominion, con la rotazione di un quadrante o il cambio di un chip, si può premere un pulsante per Trump e il voto va a Biden. Che razza di sistema è questo? Dobbiamo passare alla carta, forse ci vuole più tempo. Ma l’unico sistema sicuro è la carta. Non questi sistemi che nessuno capisce, compresi, in molti casi, le persone che li gestiscono. Anche se, purtroppo, penso che li capiscano fin troppo bene.

In una contea del Michigan, ad esempio, che ha utilizzato i sistemi Dominion, hanno scoperto che quasi 6.000 voti sono stati erroneamente scambiati da Trump a Biden, e questa è solo la punta dell’iceberg. Questo è ciò che abbiamo trovato. Quanti non ne abbiamo trovati? Ce ne sono 100 di altri esempi in tutto il Paese? Ce ne sono 1000? Siamo stati solo fortunati e l’hanno definito un problema tecnico, ma quella sera abbiamo trovato numerosi problemi tecnici. Il 96% delle donazioni politiche dell’azienda è andato ai Democratici, non a caso.

Francamente, quando si guarda chi dirige l’azienda, chi ne è a capo, chi ne è il proprietario, cosa che non sappiamo è dove vengono contati i voti? Che pensiamo siano contati all’estero, non negli Stati Uniti, Dominion è un disastro.

Le autorità elettorali in Texas hanno ripetutamente bloccato il dispiegamento dei sistemi Dominion a causa delle preoccupazioni sulle vulnerabilità di sicurezza e la possibilità di errori e frodi. Ogni distretto che utilizza i sistemi Dominion deve essere attentamente monitorato e indagato, ma non solo per il futuro.

In questo momento, siamo preoccupati per il presente, e per quello che è successo con un’elezione che abbiamo vinto senza dubbio. Sotto la mia guida, i repubblicani hanno vinto quasi tutte le case statali degli Stati Uniti, cosa che non si aspettavano di fare. Siamo saliti a 16 seggi alla Camera. I numeri sono ancora in tabulazione, perché ci sono nove seggi che nessuno conosce veramente. Non lo sanno. Due settimane dopo, è ancora in esame, perché è un casino. I repubblicani avrebbero dovuto perdere molti seggi, e invece hanno vinto quei seggi alla Camera, e un’elezione molto importante che si sta avvicinando determinerà se, o meno, terremo il Senato.

David Perdue e Kelly Leffler sono due persone straordinarie. Sfortunatamente, in Georgia, usano lo stesso orribile sistema Dominion, ed è già stato detto che, pensate, sono state richieste centinaia di migliaia di schede per assenza. Controlla chi ha richiesto quelle schede. La differenza è che è uno Stato, e lo terremo d’occhio come se nessuno avesse mai visto niente prima, perché dobbiamo vincere quei due seggi al Senato.

L’enorme successo che abbiamo avuto alla Camera dei Rappresentanti, e l’enorme successo che abbiamo avuto finora al Senato, un successo inaspettato in tutto il Paese, e proprio qui a Washington.

È statisticamente impossibile che la persona, io, che ha guidato l’accusa, abbia perso. I più grandi sondaggisti, i veri sondaggisti, non quelli che ci hanno fatto perdere 17 punti nel Wisconsin quando abbiamo effettivamente vinto, o quelli che ci hanno fatto scendere di 4 o 5 punti in Florida, e abbiamo vinto di molti punti, o ci hanno fatto perdere anche noi, e giù in Texas, e abbiamo vinto di molto, non quei sondaggisti, ma i veri sondaggisti. I Sondaggisti che sono giusti, e onesti, hanno detto: «Non possiamo capire una cosa del genere. Non era mai successo prima. Lei ha portato il Paese alla vittoria, ed è stato l’unico a perdere. Non è possibile».

Il presidente della Camera di un certo stato ha detto: «Signore, io mi aspettavo di perdere il mio posto, e invece, a causa sua, e a causa di quella incredibile accusa, e di tutti quei raduni, abbiamo avuto una tremenda vittoria, e tutti lo sanno. Lei è molto più popolare di me, signore, solo che io ho ottenuto molti più voti di lei, ed è impossibile che sia successo. C’è qualcosa che non va».

Te lo dico io cosa c’è che non va, frode elettorale. Ecco un esempio. Questo è il Michigan. Alle 6:31 del mattino, si è verificato inaspettatamente un calo di 149.772 voti. Stavamo vincendo di molto. Quel lotto è stato ricevuto con orrore.

Nessuno ne sa nulla. A proposito, ecco la tua battuta. Questa è una delle tante. Ecco quello che è normale, e all’improvviso, guarda un po’. Questo è normale, normale. Guarda anche qui, normale, e poi boom, all’improvviso, passo da vincere di molto a perdere una gara serrata.

È corrotto. Detroit è corrotta. Ho molti amici a Detroit. Loro lo sanno, ma Detroit è completamente corrotta. Guardate qui, guardate qui. Questo alle 6:31 del mattino, è arrivato inaspettatamente.

Nel recente riconteggio in Georgia, il che non significa nulla perché non vogliono controllare le firme, e se non si ha intenzione di controllare le firme in Georgia, non funziona, ma abbiamo un segretario di Stato, e un governatore che hanno reso molto difficile controllare le firme.

Perché? Dovrete chiedere a loro, ma senza un riscontro delle firme, o un assegno, non importa. Hanno trovato migliaia e migliaia di voti che erano fuori di testa, tutti contro di me. Questo è stato durante un riconteggio che non pensavo nemmeno importasse. Hanno trovato molte migliaia di voti, e quel riconteggio non aveva importanza.

Quello che conta è quello che sta succedendo adesso, che per il fatto che è così vicino, hanno dovuto per legge fare un altro riconteggio, ma il riconteggio deve essere un riconteggio in cui controllano le firme. Altrimenti, stanno solo controllando la stessa cosa disonesta. Non avrà importanza.

In questo caso, le firme sulle buste sono l’unica cosa rilevante. Confronteremo la firma sulla busta con le firme delle passate elezioni e scopriremo che molte migliaia di persone hanno firmato queste schede illegalmente. I democratici hanno truccato queste elezioni fin dall’inizio. Hanno usato la pandemia, da alcuni chiamata virus della Cina, che ha avuto origine come scusa per spedire decine di milioni di schede elettorali, che alla fine hanno portato ad una grossa parte della frode, una frode che tutto il mondo sta guardando, e non c’è nessuno più felice della Cina in questo momento.

Molte persone hanno ricevuto due, tre e quattro schede. Sono state inviate a migliaia di persone morte. Infatti, i morti, e abbiamo molti esempi, hanno riempito le schede, hanno fatto domanda, e poi, hanno votato, il che è ancora peggio. In altre parole, i morti sono passati attraverso un processo. Alcuni sono morti da 25 anni.

Milioni di voti sono stati espressi illegalmente solo negli stati oscillanti, e se questo è il caso, i risultati dei singoli stati oscillanti devono essere ribaltati, e ribaltati immediatamente. Alcuni dicono che è troppo lontano, troppo duro. Bene, questo significa che abbiamo un precedente, e abbiamo appena eletto un presidente in cui i voti sono stati fraudolenti?

No, significa che bisogna ribaltare le elezioni, e tutti lo sanno senza andare troppo oltre, e hanno visto le prove, ma non vogliono parlare di quanto sia stata disastrosa questa elezione, una catastrofe totale, ma noi lo mostreremo, e speriamo che i tribunali, in particolare, la Corte Suprema degli Stati Uniti lo vedranno, e con rispetto, speriamo che facciano ciò che è giusto per il nostro Paese, perché il nostro Paese non può vivere con questo tipo di elezioni.

Potremmo dire, guardiamo al futuro, ma no, dobbiamo guardare anche al nostro passato. Non possiamo permettere che questo accada.

Forse ci sarà una revoca, ma non credo che sia appropriato. Quando quei voti sono corrotti, quando sono irregolari, quando vengono scoperti, vengono revocati, e io vinco molto facilmente.

In tutti gli stati, io vinco molto facilmente, gli stati oscillanti, proprio come li ho vinti alle 10 di sera, la sera delle elezioni. Non vogliamo mostrarvi 25 voti difettosi o fraudolenti, che non significano nulla, perché non rovesciano lo stato, o un cinquanta, o un centinaio. Vi stiamo mostrando centinaia di migliaia di voti molto più di quanto ci serve, molto più del margine, molto più di quanto la legge richiede. Possiamo mostrare molte volte ciò che è necessario per vincere lo Stato.

I media lo sanno, ma non vogliono denunciarlo. Anzi, si rifiutano categoricamente di riportarlo, perché sanno il risultato se lo fanno. Anche quello che sto dicendo ora sarà umiliato e denigrato, ma va bene così. Io continuo ad andare avanti, perché rappresento 74 milioni di persone, e in realtà rappresento anche tutte le persone che non hanno votato per me.

La truffa del voto per corrispondenza è l’ultima parte del loro sforzo quadriennale per ribaltare i risultati delle elezioni del 2016, ed è stato come vivere all’inferno. I nostri avversari hanno dimostrato più volte che diranno e faranno di tutto per tornare al potere.

Le forze corrotte che registrano elettori morti e riempiono le urne sono le stesse persone che hanno perpetrato un falso e fraudolento imbroglio dopo l’altro. Ormai sono quattro anni che lo si vede. Questi interessi radicati si oppongono al nostro movimento, perché mettiamo l’America al primo posto. Loro non mettono l’America al primo posto, e noi stiamo restituendo il potere al popolo americano.

Loro non vogliono l’America al primo posto, vogliono il potere solo per se stessi. Vogliono fare soldi, ecco perché non mi vogliono come vostro presidente. Sono stato indagato subito dopo aver annunciato che mi sarei candidato alla presidenza. Quando sono andato subito al primo posto nelle primarie repubblicane, le indagini non si sono mai fermate. Sono andate avanti per quattro anni, e le ho vinte tutte, le ho battute tutte. Russia, Russia, Russia, la bufala dell’impeachment, e molto altro ancora.

Robert Mueller ha speso 48 milioni di dollari di denaro dei contribuenti per indagare su di me per due anni e mezzo, ha emesso oltre 2.800 citazioni in giudizio, ha eseguito quasi 500 mandati di perquisizione, ha emesso 230 ordini per i registri delle comunicazioni e ha condotto 500 interrogatori di testimoni, tutti in cerca di farmi fuori. Alla fine non c’è stata alcuna collusione, assolutamente nessuna.

Il senatore Marco Rubio, il capo della Commissione di Intelligence del Senato, ha dichiarato: «La commissione non ha trovato alcuna prova che l’allora candidato Donald Trump, o la sua campagna colludeva con il governo russo.» E ringrazio il senatore Rubio per questa dichiarazione.

Ora, ho sentito che queste stesse persone che non sono riuscite a portarmi a Washington hanno inviato ogni informazione a New York, in modo da potermi portare lì. Tutto è andato avanti, più e più volte. Per 48 milioni di dollari si passa attraverso le dichiarazioni dei redditi, si passa attraverso tutto. Il procuratore generale di New York, che recentemente si è candidato alla carica senza conoscermi, ha dichiarato: «Ci uniremo alle forze dell’ordine e ad altri procuratori generali di tutta la nazione per rimuovere questo presidente dalla carica». Non l’ho mai incontrato. «È importante che tutti capiscano», ha detto, «che i giorni di Donald Trump stanno volgendo al termine». E tutto ciò che è stato è una grande indagine a Washington e New York e in qualsiasi altro posto che possa indagare perché è quello che vogliono fare.

Non vogliono prendere me, ma noi. Allora non possiamo mai lasciarglielo fare. Tutto è stato esaminato. Un mio amico, che è molto intelligente, ha detto: «Probabilmente hai visto più di chiunque altro. Probabilmente sei stato indagato più di chiunque altro. E il fatto che tu ne esca con un certificato di buona salute ti rende probabilmente la persona più pulita di questo paese».

Alcune persone in questa amministrazione, ma fortunatamente non tutte sono state picchiate e denigrate. Sono semplicemente scomparsi. Nessuno sa cosa sia successo loro. Perché non sono attivi? Perché non sono coinvolti? C’è così tanto in cui essere coinvolti. La corruzione è così dilagante. Non ce la facevano più. Sono stati minacciati dai Democratici con l’impeachment e sono state dette cose orribili su di loro. E sono brave persone.

Anche di recente, il capo della GSA è stato perseguitato e molestato come ha riferito, come non lo è mai stato prima. Cosa posso dire? Abbiamo preso Comey alla sprovvista, abbiamo preso McCabe alla sprovvista. Li abbiamo presi tutti. Stiamo ancora aspettando il rapporto di un uomo di nome Durham, con cui non ho mai parlato e che non ho mai incontrato.

Possono prendersela con me prima delle elezioni quanto vogliono, ma purtroppo il signor Durham non voleva prendersela con queste persone, né aveva niente a che fare con l’andare a cercarle prima delle elezioni. Quindi chissà se farà mai un rapporto.

Ma se si guardano le bugie, e le fughe di notizie, e gli atti di comportamento illegali compiuti da così tante persone, e il loro desiderio di fare del male al presidente degli Stati Uniti, qualcosa dovrebbe accadere.

La cosa più difficile che devo fare è spiegare perché non sta succedendo niente con tutte queste persone che sono state sorprese a spiare la mia campagna. Non è mai successo prima e non dovrebbe mai più succedere a un presidente degli Stati Uniti. Tutto quello che devi fare è guardare le udienze e vedere con i tuoi occhi. Le prove sono schiaccianti.

La frode che abbiamo raccolto nelle ultime settimane è schiacciante, riguardo la nostra elezione. Tutti dicono: «Wow, le prove sono schiaccianti», quando riescono a vederle. Ma in realtà è troppo tardi per cambiare il corso di un’elezione. È troppo tardi per cambiare il risultato.

In realtà, c’è ancora molto tempo per certificare il corretto vincitore delle elezioni ed è per questo che stiamo lottando. Ma non importa quando succede, quando vedono frodi, quando vedono dei voti falsi e quando quei voti sono molto più numerosi del necessario, non puoi permettere che un’altra persona ti rubi l’elezione.

In tutto il Paese, le persone si riuniscono reggendo i cartelli: «Fermate il furto». Per capire come si intende contestare questa frode, è importante conoscere i problemi delle votazioni per corrispondenza. Pennsylvania, Michigan, Nevada, Georgia, Arizona e la maggior parte degli altri stati hanno permesso a chiunque di ottenere una scheda elettorale per corrispondenza e di votare senza mostrare alcun documento di identità. La votazione si è svolta interamente sul sistema d’onore, non è stato richiesto alcuna identificazione di alcun tipo.

La maggior parte degli americani rimarrebbe scioccata anche nell’apprendere che nessuno Stato del Paese verifica la cittadinanza degli Stati Uniti come condizione per votare alle elezioni federali. Questa è una vergogna nazionale. Nessun altro paese avanzato conduce le elezioni in questo modo.

Molti paesi europei hanno istituito importanti restrizioni al voto per corrispondenza, in particolare perché riconoscono il potenziale di frode quasi illimitato. Su 42 nazioni europee, tutte, tranne due, vietano il voto per corrispondenza per le persone che risiedono all’interno del paese, oppure richiedono a chi ha bisogno di un voto per corrispondenza di mostrare un documento d’identità molto, molto potente.

Durante tutto lo sforzo dei Democratici per espandere drasticamente il voto per corrispondenza, i leader del partito democratico hanno lavorato febbrilmente per bloccare le misure di protezione contro le frodi, come la verifica delle firme, la verifica della residenza o l’identificazione dell’elettore. E la conferma della cittadinanza è stata quasi tralasciato che dovremmo chiederla.

Riuscite a crederci? Queste non sono le azioni di persone che vogliono elezioni eque. Queste sono le azioni di persone che vogliono rubare le elezioni, che sono disposte a creare frodi. L’unica ragione plausibile per cui si bloccherebbero le misure di buon senso per verificare l’eleggibilità legale per il voto, è che si sta cercando di incoraggiare, consentire, sollecitare o compiere frodi.

È importante che gli americani comprendano che questi cambiamenti distruttivi alle nostre leggi elettorali non sono stati una risposta necessaria alla pandemia. La pandemia ha semplicemente dato ai Democratici una scusa per fare quello che hanno cercato di fare per molti, molti anni.

Infatti, il primissimo disegno di legge che la Camera dei Democratici ha introdotto quando Nancy Pelosi è diventata presidente, è stato il tentativo di rendere obbligatorio il voto universale per corrispondenza e di eliminare misure come l’identificazione degli elettori, che è così necessaria. L’erosione drammatica dell’integrità delle nostre elezioni è stata la priorità numero uno dei Democratici per un semplice motivo: volevano rubare le elezioni presidenziali del 2020. Tutti gli sforzi dei Democratici per espandere le votazioni per corrispondenza hanno posto le basi per la frode sistematica e pervasiva che si è verificata in queste elezioni.

In Pennsylvania, sono state elaborate illegalmente grandi quantità di schede per corrispondenza e per assenza . E in segreto, a Filadelfia, nelle contee di Allegheny, senza la presenza dei nostri osservatori. Non potevano essere presenti. In effetti, non erano nemmeno ammessi nella stessa stanza. Furono buttati fuori dall’edificio e hanno guardato dentro dall’esterno, ma non hanno nemmeno avuto modo di vedere, perché non c’erano finestre. E le finestre che c’erano erano sbarrate. I democratici sono persino andati alla Corte Suprema della Pennsylvania per impedire agli osservatori di accedervi.

C’è solo una ragione possibile per cui la macchina politica democratica corrotta si opporrà alla trasparenza durante il conteggio dei voti. È perché sanno che stanno nascondendo attività illegali. È molto semplice.

Questo è vergognoso, imperdonabile. E un danno irreversibile che macchia l’intera elezione, ma questa pratica senza precedenti di escludere i nostri osservatori, i nostri osservatori del voto, come alcuni li chiamano, si è verificata nelle città gestite dai democratici e negli stati chiave di tutta la nazione. Di seguito sono riportati solo alcuni dei fatti aggiuntivi che abbiamo scoperto.

Molti elettori in tutta la Pennsylvania hanno ricevuto due schede per posta e molti altri hanno ricevuto schede per corrispondenza per le quali non hanno mai presentato domanda. Hanno ricevuto così tante schede, non sapevano nemmeno a cosa servissero. E ancora, tanti hanno ricevuto più di una scheda. In alcuni casi, più di due schede. E sono stati, per la maggior parte, democratici.

Nella contea di Fayette, in Pennsylvania, più elettori hanno ricevuto schede già compilate. Non sapevano cosa fosse successo. Nella contea di Montgomery, in Pennsylvania, un osservatore dei sondaggi ha sentito dire per caso agli elettori non registrati di tornare più tardi per provare a votare con un nome diverso. Decine di migliaia di elettori in tutta la Pennsylvania sono stati trattati in modo diverso a seconda che fossero repubblicani o democratici.

Gli elettori che hanno presentato votazioni invalide in alcuni distretti democratici sono stati informati e hanno chiesto loro di fissare le loro schede, mentre i distretti repubblicani, e in particolare gli elettori repubblicani, non sono stati così informati, il che viola chiaramente la clausola di pari protezione della Costituzione degli Stati Uniti. «Se sei un democratico, sistemeremo la tua scheda elettorale. Assicurati che sia perfetta. Se sei repubblicano, non parlarne nemmeno».

Nel Michigan, un impiegata in carriera della città di Detroit, con i lavoratori della città, istruiva gli elettori a votare direttamente i democratici, mentre li accompagnava per vedere per chi votavano, violando la legge e la sacralità del voto segreto. Non puoi farlo. Gli stessi lavoratori affermano che lei era istruita a non chiedere alcun documento di identità e di non tentare di convalidare alcuna firma. Le è stato anche detto loro di retrodatare illegalmente le schede, molte, molte schede, ricevute dopo la scadenza. Questo è qualcosa di così incostituzionale e ha stimato che migliaia e migliaia di schede siano state retrodatate in modo improprio da lei e da molti altri.

Anche altri testimoni a Detroit hanno visto i nostri funzionari elettorali contare molte volte lotti delle stesse schede, oltre a duplicare illegalmente le schede. Un osservatore ha testimoniato di aver visto scatole e scatole di schede elettorali, tutte recanti la stessa firma. Un altro osservatore a Detroit ha testimoniato sotto giuramento di aver visto innumerevoli schede elettorali valide che non appartenevano a elettori regolarmente registrati e poi ha assistito agli operatori elettorali della contea di Wayne inserire nel sistema date di nascita false, al fine di contarle illegalmente.

I testimoni della scienza hanno portato una dichiarazione giurata, quindi in altre parole, se mentissero andrebbero in prigione, testimoniando che dopo che i funzionari elettorali hanno annunciato che erano stati ricevuti gli ultimi voti per corrispondenza, è arrivato un lotto di decine di migliaia di schede, molte senza buste, tutte votanti per i democratici.

In Wisconsin, un numero record di elettori è stato classificato come confinato a tempo indeterminato. Uno status riservato alle persone con disabilità grave, anche agli anziani che consente loro di votare senza esibire il documento di identità. L’anno scorso, circa 70.000 persone hanno richiesto questo status in tutto lo stato. Quest’anno, il numero è stato miracolosamente di quasi 250.000 elettori, dopo che i funzionari elettorali di Milwaukee e della contea di Dane, un paio dei luoghi politici più corrotti del nostro paese, hanno esortato i cittadini a registrarsi impropriamente sotto questo status. E registrarli in livelli che non esistono. In Wisconsin, ci sono circa 70.000 schede elettorali per assenza che non hanno domande di voto corrispondenti come richiesto dalla legge.

In Georgia, nove osservatori hanno testimoniato di aver visto innumerevoli schede irregolari senza pieghe o segni tipici che indicano che le schede non sono arrivate in buste come richiesto. Un osservatore di sondaggi nella contea di Fulton ha stimato che circa il 98% del gran numero di schede insolitamente incontaminate a cui ha assistito erano per Biden. Numero molto insolito. Inoltre, sono state scoperte migliaia di schede elettorali non contate nelle contee di Floyd, Fayette e Walton settimane dopo le elezioni, e queste schede provenivano principalmente dagli elettori di Trump. Non sono stati contati. Erano degli elettori di Trump.

A Detroit, tutti hanno visto il tremendo conflitto e il modo orribile in cui i due propagandisti repubblicani sono stati trattati in modo così orribile perché non avrebbero votato quando hanno visto che il 71 per cento dei distretti non era in equilibrio. Inoltre, ci sono stati più voti che elettori. Pensa a questo. CI son stati più voti di quanti elettori ci fossero. È facile da capire, ed è a migliaia.

In Arizona, a coloro che sono andati a votare di persona, ma che per giusti motivi ricevevano messaggi di errore dalle macchine di tabulazione, è stato detto loro di premere un pulsante che comportava il mancato conteggio dei loro voti. Sempre in Arizona, il procuratore generale ha annunciato che le schede per corrispondenza erano state rubate dalle cassette delle lettere e nascoste sotto una roccia.

Nella contea di Clark, in Nevada, dove risiede la maggior parte degli elettori dello stato, gli standard per abbinare una firma utilizzando la macchina per la verifica delle firme sono stati intenzionalmente abbassati per consentire il conteggio di un gran numero di schede che altrimenti non sarebbero mai state approvate. Questa macchina è stata impostata al livello più basso.

Secondo un rapporto, per testare il processo, nove elettori nella contea di Clark hanno votato con firme intenzionalmente errate e otto dei nove voti sono stati accettati e contati. Hanno detto che avresti potuto firmare il tuo nome come Babbo Natale e che sarebbe stato accettato. La scorsa settimana, la Commissione della contea di Clark ha respinto i risultati di un’elezione locale dopo che il cancelliere ha riferito di aver trovato, cito, «discrepanze che non possiamo spiegare». Sempre in Nevada, alcuni elettori hanno partecipato ad una lotteria per più di una dozzina di buoni regalo del valore di $ 250 se avessero potuto dimostrare di aver votato.

Ciò è avvenuto nelle riserve indiane. Uno degli indicatori più significativi di frode diffusa è il tasso di rifiuto straordinariamente basso per i voti per corrispondenza in molti stati chiave. Questi sono gli stati che ho dovuto vincere.

Uno stato oscillante dopo l’altro, il numero di schede respinte è stato notevolmente inferiore a quello che ci si sarebbe aspettato in base all’esperienza precedente. Ciò significa anni e anni di votazioni. In Georgia, solo lo 0,2%, ovvero sostanzialmente meno dell’1%, delle schede per posta è stato respinto. In altre parole, quasi nessuno è stato rifiutato. Hanno preso tutto. Praticamente nulla è stato respinto, rispetto al 6,4 per cento del 2016. C’è chi pensa che il 6,4 sia un numero basso.

Pensateci. Quasi alcuno è stato respinto. Nelle precedenti elezioni, il 6,4 per cento è stato respinto. Abbiamo assistito a cali simili in Pennsylvania, Nevada e Michigan. Le schede elettorali non sono state respinte, soprattutto se si trovavano in aree democratiche. Queste irregolarità sono inspiegabili a meno che non ci sia uno sforzo deliberato per accettare schede non ammissibili o schede fraudolente.

In Pennsylvania, il segretario di stato e la corte suprema dello stato hanno sostanzialmente abolito i requisiti di verifica delle firme solo poche settimane prima delle elezioni, in violazione della legge statale. Non è permesso farlo. Deve essere approvato dal legislatore. Un giudice non può farlo. Uno Stato non può farlo. Un funzionario non può farlo. L’unico che può farlo è il legislatore.

La ragione di ciò è chiara. Non hanno verificato le firme perché sanno che le schede non sono state compilate dagli elettori a nome dei quali sono state espresse. In altre parole, le persone che le hanno compilate non avevano nulla a che fare con i nomi sulla scheda. Un semplice riconteggio delle schede in queste circostanze non fa che aggravare la frode.

L’unico modo per determinare se c’è stato un voto onesto è quello di condurre una revisione completa delle buste negli Stati interessati. Scoprirete che molti di loro, decine di migliaia, hanno firme fraudolente. È necessaria una verifica forense completa per garantire che solo i voti legali di elettori legalmente registrati che sono stati espressi correttamente siano inclusi nel conteggio finale.

Questa è l’elezione della grande frode, una frode che non è mai stata vista prima d’ora. Si tratta di osservatori di scrutinio che non sono stati autorizzati a guardare. E’ così illegale. Si tratta di schede che si sono riversate, e nessuno tranne pochi sapeva da dove provenissero. Sono state contate, e non erano per me.

È l’elezione della grande vittoria, con fortissimi segnali di vittoria per i quali la gente si congratulava con me per aver ottenuto una vittoria facile e decisiva. All’improvviso, al mattino o un paio di giorni dopo, questi segnali sono rapidamente svaniti. Sono arrivate numerose schede elettorali che nessuno sa da dove provengono. I macchinari sono difettosi, macchinari che sono stati miracolosamente fermati in certi momenti della serata per far arrivare più voti.

È l’elezione di molte altre cose, ma soprattutto di frodi. Questa elezione è stata truccata. Lo sanno tutti. Non mi importa di perdere un’elezione, ma voglio perdere un’elezione onesta e leale. Quello che non voglio fare è rubarla al popolo americano. È per questo che stiamo combattendo. Non abbiamo scelta.

Ne abbiamo già le prove. Abbiamo già le prove, ed è molto chiaro. Molte persone nei media e persino i giudici finora si sono rifiutati di accettarle. Sanno che è vero. Sanno che è vero. Sanno chi ha vinto le elezioni, ma si rifiutano di dirlo: «Hai ragione». Il nostro Paese ha bisogno di qualcuno che dica: «Hai ragione».

In definitiva, sono pronto ad accettare qualsiasi risultato elettorale accurato, e spero che lo sia anche Joe Biden. Ne abbiamo già la prova. Abbiamo già decine di migliaia di voti in più di quelli necessari per ribaltare tutti questi stati di cui stiamo parlando.

Questa è un’elezione per la più alta carica nel più grande Paese della storia del mondo. Ogni americano ragionevole dovrebbe essere in grado di concordare, sulla base di quanto abbiamo già documentato, che abbiamo bisogno di un’analisi sistematica delle schede elettorali per esaminare le buste. Si tratta della firma. Se sono sulle buste, possiamo solo esaminare le buste, e questo ci dirà tutto.

Questo è il minimo assoluto che ci dobbiamo aspettare. Non si tratta solo della mia campagna, anche se ha molto a che fare con chi sarà il vostro prossimo presidente. Si tratta di ripristinare la fede e la fiducia nelle elezioni americane. Si tratta della nostra democrazia e dei sacri diritti per cui generazioni di americani hanno combattuto, con il sangue e sono morti per assicurarsi. Niente è più urgente o più importante.

Gli unici scrutini che dovrebbero contare in queste elezioni sono quelli espressi da elettori idonei che sono cittadini del nostro Paese, residenti negli Stati in cui hanno votato, e che hanno espresso le loro schede in modo legittimo prima della scadenza legale.

Inoltre, non dobbiamo mai più avere un’elezione in cui non ci sia un sistema affidabile e trasparente per verificare l’idoneità, l’identità e la residenza di ogni singola persona che vota, una scheda molto, molto cara.

Molte persone molto intelligenti si sono congratulate con me per tutto quello che abbiamo fatto: i più grandi tagli alle tasse nella storia, i tagli normativi, i più grandi della storia. Abbiamo ricostruito il nostro esercito. Ci siamo presi cura dei nostri veterani come mai prima d’ora, Space Force, e molto altro ancora.

Poi hanno continuato dicendo che, per quanto questi eventi siano stati grandi e importanti, il più grande risultato della sua presidenza sarà esattamente quello che sta facendo ora: l’integrità degli elettori per la nostra nazione. È più importante di qualsiasi altra cosa di cui abbiamo discusso.

Se non sradichiamo la frode, la tremenda e orribile frode che si è verificata nelle nostre elezioni del 2020, non abbiamo più un Paese. Con la determinazione e il sostegno del popolo americano, ripristineremo l’onestà e l’integrità delle nostre elezioni. Ripristineremo la fiducia nel nostro sistema di governo.

Grazie.

Dio vi benedica.

Dio benedica l’America.

Tradotto da: Massimiliano Volpato

Articolo in inglese: https://visiontimes.com/2020/12/06/president-trumps-dec-2-speech-full-transcript.html