Il governo del Laos lancia TV supportata dalla Cina

Il Laos è uno dei paesi meno liberi del mondo a causa del suo governo comunista. Infatti è caduto vittima della trappola del debito posta dall’iniziativa cinese Belt and Road Initiative (BRI).
strada moto Laos
Il governo del Laos ha lanciato un'emittente televisiva nella capitale Vientiane che è finanziata completamente da Pechino.(href="https://vtwp-media.s3-accelerate.amazonaws.com/2020/09/Laos.jpg">Immagine: tramite  pixabay CC0 1.0

Il governo del Laos ha lanciato un’emittente televisiva finanziata interamente da Pechino. La nuova stazione televisiva è allestita in un edificio nella capitale Vientiane e si chiama «Lao Army Television Channel 7». Il canale ha iniziato a trasmettere il 9 settembre.

L’emittente televisiva

Attualmente, la stazione è gestita sotto il controllo del Ministero della Difesa del Laos. Sarà anche responsabile di tutti i programmi che forniti online. Il canale si concentrerà principalmente sulle attività delle forze armate laotiane. Il ministro della Difesa Chansamone Chanyalath lo ha definito il dono della Cina al governo del Laos, all’esercito e al popolo. Tuttavia, i cittadini comuni non sono troppo entusiasti del canale.

La nuova stazione fungerà solo da «voce dell’esercito, del governo e del partito [al governo]… Questa nuova stazione pubblicizzerà soprattutto le attività militari o di polizia… Non porterà storie sulla sofferenza del popolo», ha detto un cittadino del Laos a Radio Free Asia. Dal 1975, il Laos è sotto il dominio di un regime comunista che controlla completamente tutti i mezzi di comunicazione.

soldati laotiani
I soldati laotiani sono in formazione.
La nuova stazione pubblicizzerà per lo più le attività militari o di polizia. (Immagine: Screenshot / YouTube)

Il Laos è uno dei paesi meno liberi del mondo a causa del suo governo comunista. Secondo un rapporto del 2019 di Reporter senza frontiere (RSF), il Laos si è classificato 172esimo su 180 nazioni in un indice di paesi classificati per la libertà di stampa. Phil Robertson, vicedirettore per l’Asia di Human Rights Watch, sottolinea che la libertà di stampa è quasi inesistente in Laos e che il governo comunista non ha mai rispettato le opinioni del suo popolo.

Trappola del debito

La crescente influenza della Cina in Laos sta facendo preoccupare molte persone che il Paese stia cedendo la propria autonomia alla volontà del Partito comunista cinese. Recentemente, la società elettrica statale del Laos ha firmato un accordo con una società cinese che conferisce loro il controllo della maggioranza. Il governo sostiene che la mossa era necessaria per salvare la società colpita da difficoltà finanziarie. Tuttavia, molti sostengono che nell’accordo è stato ceduto troppo potere alla parte cinese.

Il Laos è caduto vittima della trappola del debito posta dall’iniziativa cinese Belt and Road Initiative (BRI). Il Paese ha preso in prestito grandi somme di denaro dalla Cina per il suo progetto ferroviario ad alta velocità da 6 miliardi di dollari che collega le regioni meridionali della Cina con il Sud-Est asiatico. Circa il 60% del denaro per il progetto si è preso in prestito dalla Export-Import Bank of China. Il governo del Laos ha anche chiesto un prestito di 480 milioni di dollari alla stessa banca per finanziare la sua quota del progetto. Tuttavia, si dice che l’amministrazione sia ora sotto pressione finanziaria a causa di tutti questi obblighi di debito e che stia pianificando di vendere i beni del governo per affrontare la crisi monetaria. Il denaro in prestito mirava a finanziare anche progetti idroelettrici lungo il fiume Mekong.

operaio tunnel ferroviario camion
Un operaio si trova di fronte a un tunnel ferroviario di recente costruzione in Laos.
Il Laos ha preso in prestito grandi somme di denaro dalla Cina per il suo progetto ferroviario ad alta velocità da 6 miliardi di dollari.YouTube)(Immagine: Screenshot / YouTube

Il governo del Laos e il rischio di insolvenza

Le riserve di valuta estera sono ora inferiori a 1 miliardo di dollari USA, un importo di gran lunga inferiore ai pagamenti del debito che il Laos deve effettuare ogni anno. Questo pone fondamentalmente la nazione in un territorio ad alto rischio quando si tratta di default sovrano, una posizione che darebbe alla Cina un potere significativo sul paese. Secondo i rapporti locali, il governo del Laos ha già chiesto a Pechino di ristrutturare alcuni dei suoi debiti nel tentativo di evitare l’insolvenza. In agosto, Moody’s ha declassato il rating del Laos da B3 a Caa2, che è fondamentalmente un territorio spazzatura. L’outlook è passato da neutro a negativo, poiché l’agenzia ritiene che il Laos soffra di un grave stress di liquidità.

Tradotto da: Monica Padoan

Articolo in inglese: https://visiontimes.com/2020/09/26/laos-launches-tv-station-supported-by-china.html