“Immunità di gregge”- Oms modifica in: “Spinta per la vaccinazione anti coronavirus”

Tucker, direttore editoriale di AIER: «In effetti, questo cambiamento all'OMS ignora e addirittura spazza via 100 anni di progressi medici in virologia, immunologia ed epidemiologia… È assolutamente non scientifico.
Immunità di gregge
L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha ridefinito il concetto di immunità di gregge: «proteggere le persone da un virus, non esporle ad esso». (Immagine: Cavernia / CC BY-4.0)

Da marzo, cioè dal periodo in cui la pandemia del virus del PCC è diventata il centro della vita quotidiana nel mondo occidentale, abbiamo avuto un flusso costante di messaggi contrastanti sulla crisi. Quando si tratta del virus e del disturbo che provoca, i «dati» sull’immunità di gregge cambiano quasi quotidianamente secondo i desideri delle cosiddette «fonti autorevoli» di informazione spinte dalle Big Tech e dai politici di tutto il mondo.

Per esempio, all’inizio della pandemia, l’OMS ha comunicato che indossare le mascherine è inutile. In seguito, ha dichiarato che probabilmente avremmo dovuto indossare una mascherina, che tuttavia non era obbligatorio. Infatti, quando la gente si stressava a causa di una marea quotidiana di informazioni negative e contraddittorie mentre lavorava da casa e viveva in isolamento, molti governi di città e stati hanno reso obbligatorio l’uso della mascherina. Peraltro, l’ha raccomandato la scienza in modo chiaro.

Alcuni sindaci, governatori e opinionisti si sono persino permessi di dire che se non avessimo indossato una mascherina di cotone per coprire il viso in pubblico, ne avremmo letteralmente uccisi altri.

Agenti di sicurezza senza mascherine aggrediscono un uomo

In Canada, è emerso un video di un gruppo di agenti di sicurezza che affrontano e calpestano un uomo del centro commerciale per non aver indossato la mascherina. Alcune delle guardie di sicurezza che hanno aggredito l’uomo non indossavano mascherine.

La polizia, ha in seguito denunciato l’uomo di aggressione con lo scopo di resistere all’arresto e di svolgere attività vietate sul posto. Si trattava del caporale Joshua Walker,un riservista delle forze armate canadesi. A quanto pare, l’uomo, come dimostra un video che ha girato su se stesso prima di essere aggredito, indossava una mascherina. L’aggressione è avvenuta dopo aver chiamato le guardie «tre scagnozzi».

A novembre, la Danimarca ha pubblicato su Annals of Internal Medicine il più importante studio sulle mascherine di questo tipo. Lo studio ha utilizzato un gruppo di controllo e ha seguito 6.000 persone per un mese. Il gruppo di controllo e il gruppo delle mascherine sono tenuti ad osservare il distanziamento sociale.

I tecnici dello studio hanno fornito al gruppo 50 mascherine chirurgiche, i componenti del gruppo ne hanno velocemente imparato il corretto utilizzo. I maggiori criteri dello studio sono stati: «Infezione da SARS-CoV-2 nel portatore della mascherina dopo 1 mese grazie al test anticorpale, alla reazione a catena della polimerasi (PCR) o alla diagnosi ospedaliera».

Lo studio ha scoperto che delle 6.000 persone studiate: «L’infezione da SARS-CoV-2 si è verificata in 42 partecipanti che hanno raccomandato l’uso di mascherine (1,8 percento) e 53 partecipanti al controllo (2,1 percento)». Lo studio ha dichiarato che «la differenza osservata non era statisticamente rilevante».

Si è concluso: «La raccomandazione di indossare mascherine chirurgiche per integrare altre misure di salute pubblica non ha ridotto il tasso di infezione da SARS-CoV-2 tra i portatori di oltre il 50 percento in una comunità con tassi di infezione modesti, un certo grado di allontanamento sociale e un uso generale non comune delle mascherine». Ha aggiunto: «I dati erano compatibili con gradi di autoprotezione inferiori».

I media hanno in gran parte omesso lo studio che riguarda l’immunità di gregge

Eppure, le grandi fonti dei media che l’aristocrazia scientifica ritiene «autorevole» hanno in gran parte omesso questo studio, il più ampio nel suo genere. Né ha influenzato i responsabili delle politiche pubbliche in molte parti del mondo. A dicembre, Calgary, il consiglio comunale del Canada, ha deciso di estendere l’obbligo per legge, a tutti gli spazi pubblici interni, compresi i luoghi di lavoro, fino alla fine del 2021.

La forza trainante sia della narrazione che delle misure messe in atto in Nord America intorno al virus del PCC sembra utilizzare il concetto di «scienza» solo come pretesto per instaurare l’autocrazia, dichiarando le emergenze sanitarie pubbliche senza data di scadenza, e per etichettare chiunque contesti lo stato di cose come ereticamente «non scientifico».

Per raggiungere questi scopi, qualunque essi siano, nessun limite è troppo alto, compresa la riscrittura della scienza stessa.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’organismo delle Nazioni Unite che rappresenta la fonte di salute più «autorevole» che esista, sembra aver recentemente riformulato il concetto di immunità di gregge conforme alla scienza a uno che è, beh… maggiormente in linea con il racconto attuale della vaccinazione di massa.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha rimborsato i 400 milioni di dollari che gli Stati Uniti avevano precedentemente donato all’organismo, ammonendo l’OMS di aver gestito male la pandemia e il rapporto troppo stretto del direttore Tedros Ghebreyesus con il Partito comunista cinese.

Modifica della definizione «Immunità di gregge» da parte dell’OMS

L’Istituto americano di ricerca economica (AIER) ha riportato sulla sua pagina web la modifica della definizione di immunità di gregge dell’OMS: «…l’Organizzazione Mondiale della Sanità – un tempo gloriosa perché principalmente responsabile dell’eradicazione del vaiolo – ha improvvisamente deciso di cancellare tutto [rilevante] dalle basi della biologia cellulare. Ha letteralmente modificato la scienza in modo analogo a quello sovietico».

«Ha eliminato con il tasto «cancella» ogni riferimento alle immunità naturali dal suo sito web. Ha fatto il passaggio aggiuntivo di definire in modo errato la struttura e il funzionamento dei vaccini». AIER si autodefinisce un’organizzazione di difesa della ricerca di stampo apolitico con sede negli Stati Uniti, fondata nel 1933.

screenshot della pagina " sierologia"
L’articolo mostra uno Screenshot della pagina ‘Sierologia’ dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, sezione Immunità di gregge, giugno 2020. (archive.org)

Tuttavia, l’OMS nella versione attuale della pagina dell’immunità di gregge, ha completamente ridefinito questo concetto per indicare che il sistema immunitario umano richiede la vaccinazione allo scopo di resistere alla malattia causata dal virus CCP, coniata dall’OMS «Coronavirus Disease 2019 (COVID-19)».

La nuova impostazione definisce l’immunità di gregge come un «concetto utilizzato per la campagna di sensibilizzazione, in cui una popolazione può essere protetta da un certo virus se viene raggiunta una soglia di vaccinazione».

«L’immunità di gregge si ottiene proteggendo le persone da un virus, non esponendole ad esso», sostiene la definizione modificata dell’OMS.

screenshot della pagina "sierologia"
Schermata della pagina “Sierologia” dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, sezione Immunità di gregge del 28 dicembre 2020.


L’AIER mette l’OMS in subbuglio per la loro nuova definizione che cambia il concetto «Immunità di gregge»

«Questa dichiarazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha cancellato ciò che rappresenta la storia di un milione di anni dell’umanità nella sua delicata battaglia contro gli agenti patogeni… Da ciò si può solo dedurre che tutti noi siamo solo delle lavagne vuote e prive di possibilità di migliorare, sulle quali l’industria farmaceutica scrive la sua firma».
L’autore, Jeffrey A.

Tucker, direttore editoriale di AIER, non si ferma qui: «In effetti, questo cambiamento all’OMS ignora e addirittura spazza via 100 anni di progressi medici in virologia, immunologia ed epidemiologia… È assolutamente non scientifico – uno scellino per l’industria dei vaccini esattamente nel modo in cui i teorici della cospirazione dicono che l’OMS ha fatto fin dall’inizio di questa pandemia».

Tucker trova completamente assurda l’affermazione secondo cui la vaccinazione è una sorta di protezione dal virus: «Ciò che è ancora più strano è l’affermazione che un vaccino protegge le persone da un virus piuttosto che esporle ad esso. Ciò che sorprende di questa affermazione è che un vaccino funziona proprio accendendo il sistema immunitario attraverso l’esposizione».

«l motivo per cui ho dovuto scrivere queste parole è veramente al di là delle mie cognizioni».

Tradotto da: Monica Padoan

Articolo in inglese: https://visiontimes.com/2021/01/01/who-redefines-herd-immunity-in-push-for-coronavirus-vaccination.html