Oggi in Cina, la materia “il pensiero di Xi Jinping” è obbligatoria per gli studenti delle scuole primarie e i laureandi

Il pensiero di Xi" include 14 principi che sono stati sanciti nella costituzione cinese durante la riunione legislativa del 2018, quando sono stati aboliti anche i limiti di mandato e stabilito un modo per Xi Jinping di governare a tempo indeterminato.
PECHINO, CINA - 30 GIUGNO: Il presidente cinese Xi Jinping presenta da un grande schermo il notiziario serale della televisione di stato cinese CCTV mentre la città si stava preparando al centenario del Partito comunista cinese del 30 giugno 2021 a Pechino, Cina. (Immagine: Andrea Verdelli/Getty Images)


Come parte delle riforme radicali del Partito Comunista Cinese nel campo dell’educazione, tra i programmi di studio per studenti delle scuole elementari e laureati è stato incorporato il “Pensiero di Xi Jinping”.

L’intento è quello di estendere l’indottrinamento ai bambini di appena sette anni. Far dunque crescere una nuova generazione di patrioti fedeli al Partito e a Xi.

Dall’inizio del nuovo anno scolastico, il 1° settembre, il ministero dell’istruzione cinese ha incorporato la vagamente definita ideologia di Xi nel curriculum nazionale.

Secondo un avviso del governo riguardante il nuovo curriculum, gli insegnanti della scuola primaria devono ora “piantare i semi dell’amore per il partito, il paese e il socialismo nei cuori dei giovani”.

I nuovi libri scolastici ora brandiscono citazioni del presidente insieme a immagini del suo volto sorridente. I capitoli descrivono in dettaglio le conquiste della civiltà cinese, il ruolo del partito comunista nell’affrontare la pandemia COVID-19 e la riduzione della povertà, tra le altre cose.

Un libro di testo recita: “Nonno Xi Jinping è molto impegnato con il lavoro, ma non importa quanto sia impegnato, si unisce comunque alle nostre attività e si preoccupa della nostra crescita”.

Un altro recita: “La relazione tra il partito e la legge è una questione fondamentale. Se è gestito bene, lo stato di diritto prospererà, il partito prospererà, il paese prospererà; se non è gestita bene, lo stato di diritto fallirà, il partito fallirà, il paese fallirà.”

“Il patriottismo, l’emozione più profonda e duratura nel mondo umano, è la fonte della virtù e del merito di una persona”, si legge ancora.

“Il pensiero di Xi” include 14 principi che sono stati sanciti nella costituzione cinese durante la riunione legislativa del 2018. Nella stessa occasione sono stati aboliti anche i limiti di mandato e stabilito un modo per Xi di governare a tempo indeterminato.

I 14 principi includono la garanzia della leadership del PCC su tutte le forme di lavoro in Cina, nonché la continuazione dell'”ampio approfondimento delle riforme“.

Il principio 12 promuove il principio “un paese, due sistemi” per Hong Kong e Macao. Tuttavia mira anche alla “completa riunificazione nazionale” e a seguire la politica della Cina unica.

I principi includono anche una disposizione per stabilire “un destino comune tra il popolo cinese e gli altri popoli del mondo con un ‘ambiente internazionale pacifico“.

Le riforme fanno parte di una campagna più ampia per combattere ciò che il Partito considera influenze corruttive sulla sua gioventù, dai videogiochi alle risorse educative straniere.

Xi sta anche puntando ad un terzo mandato che romperebbe le norme. Si tratta di una mossa che deve affrontare una forte resistenza da parte dei rivali politici, nonostante il leader abbia consolidato una grande autorità da quando è salito al potere nel 2012.

Articolo in inglese: https://www.visiontimes.com/2021/09/01/in-china-xi-jinping-thought-now-compulsory-learning-for-students-in-primary-schools-to-graduate-programs.html