In Italia è boom di comuni «NO – 5G»

italia no 5g
La controversa tecnologia 5G è in fase di preparazione in molti paesi, ma in Italia è boom di comuni che dicono no a tale tecnologia. Citazione (Immagine: Christoph Scholz tramite Flickr

In Italia i comuni che si oppongono e dicono no al 5G sono aumentati in modo straordinario durante il periodo di massima emergenza da virus del PCC. Gli amministratori comunali hanno accolto l’appello del movimento anti-tecnologico perché temono per l’incidenza sulla salute dei cittadini.

Tra aprile e maggio infatti, in Italia vi è stato un aumento della quantità di comuni che hanno emesso un’ordinanza per bloccare e vietare l’installazione di apparati 5G.

«I comuni che si oppongono al 5G sono passati così dai 53 del periodo maggio 2019 e febbraio 2020, ai 209 tra marzo e il 20 maggio 2020», racconta Wires.

Il governo ha riconosciuto nel decreto «Cura Italia» il valore delle reti come servizio essenziale soprattutto durante l’emergenza, quando gran parte della nazione fa affidamento a internet; ha invitato infatti gli operatori a potenziare le reti – quindi affrontando altri investimenti – a fronte del boom registrato del traffico.

Su Wired si legge: «Dal 2018 esiste l’Alleanza italiana stop 5G , che è riuscita a fermare l’installazione delle antenne nel Municipio XII di Roma, in mano ai cinque stelle, abiurando così il sindaco che non si è mai opposta all’installazione».