Insegnare ai bambini come essere gentili con i familiari e le altre persone

Il genitore aiuta il bambino ad imparare ad essere gentile non solo per se stesso, ma anche per il bene del mondo in generale, in modo che in futuro possa diventare un posto migliore e più gentile.
mamma figlia
Grazie per tutto il tuo aiuto. Sei una grande! (Immagine: rubbermaid / flickr / CC BY 2.0)

I genitori non solo cercano costantemente di impartire e insegnare ai bambini i valori e le lezioni fondamentali della vita, ma insegnano loro anche a essere gentili, insieme alle regole d’oro per un buon comportamento.

Nell’insegnare ai bambini le abilità e lezioni di vita, lo sviluppo dell’intelligenza emotiva viene spesso trascurato. Man mano che crescono, i bambini sviluppano naturalmente compassione, empatia, gentilezza e altri valori.

Tuttavia, secondo una ricerca, quando si tratta di raggiungere il successo nella qualità della vita, nella salute e nelle relazioni, l’intelligenza emotiva diviene un fattore decisivo.

Risulta pertanto più saggio prendere l’iniziativa e presentare ai tuoi piccoli l’intelligenza emotiva e la consapevolezza di sé, e aiutarli a imparare ad essere gentili non solo per se stessi, ma anche per il bene del mondo in generale, in modo che in futuro possa diventare un posto migliore e più gentile.

Essere genitori implica guidare l’immaginazione dei vostri figli in vari modi per permettere loro di fare del bene alle persone che li circonderanno. Il trucco sta nel riuscire a farlo senza essere invadenti.

Insegnare ai bambini la gentilezza, con degli esempi

Ecco come potrai fare passi graduali per crescere bambini emotivamente ben adattati, che cresceranno in una generazione di persone più gentili e sensibili.

La gentilezza è la virtù che ogni bambino dovrebbe essere incoraggiato a promuovere. Insegna loro che esiste un’enorme forza interiore nell’essere gentili. I bambini hanno un senso naturale per esprimere le proprie emozioni e mostrare empatia per gli altri. Come genitori, dovreste dimostrare loro che questo è uno dei valori più indispensabili che tutti dovrebbero avere.

insegnare bambini fiori di loto
Le mani sul tavolo! Una semplice parola gentile come: «Per favore, lascia che ti aiuti», può essere l’inizio dell’acquisizione della compassione da parte di tuo figlio. (Immagine: Janine Rankin)

La gentilezza e l’empatia non sono altro che la comprensione delle difficoltà o dei sentimenti di un’altra persona. Significa anche sapere la cosa appropriata da fare o quella da non fare a seconda dei casi. L’empatia è la capacità di mettersi nei panni dell’altro. I genitori devono insegnare ai bambini a chiedere aiuto e come collaborare per aiutare gli altri.

Mentre siete a scuola o al parco giochi, potete insegnare ai vostri bambini ad avere una buona comprensione delle emozioni e delle situazioni degli altri bambini e avvicinati per offrire aiuto. Un semplice «Lascia che ti aiuti» può essere l’inizio dell’acquisizione della compassione da parte di vostro figlio. Potrebbe anche trattarsi di un fratello o una sorella minore che si sente sempre escluso, sta attraversando un momento difficile e potrebbe aver bisogno di un aiuto.

Introduzione all’educazione di base

Un bambino che fin dalla prima infanzia ha familiarità con l’educazione di base è più sicuro di sé e ha una maggiore autostima. Con il tempo, man mano che il bambino svilupperà il senso di quando e come salutare le persone, non solo sarà ben educato verso gli altri, ma sarà anche compassionevole verso le persone e aperto agli altri.

I bambini imparano rapidamente le abitudini e le lezioni dai genitori, ed essi devono dare esempi positivi esercitandosi a dire «scusa», «per favore» e «grazie» come e quando diviene necessario. Non sei amico dei tuoi figli. I tuoi piccoli sono molto intelligenti e adorabili. Ti conoscono molto bene e possono rigirarti come vogliono. Stai insegnando loro la disciplina alla base della vita. Stai insegnando ai tuoi figli come essere svegli, forti e sani nelle loro abitudini. A volte devi essere fermo e dire: «No!». Questo a sua volta insegnerà loro quando e come dire di «no».

È anche importante che i genitori permettano ai bambini di assimilare queste abitudini coi propri ritmi e tempi, e che siano pazienti con loro. I genitori possono anche incentivare il buon comportamento o riconoscere le buoni maniere quando il figlio le mostra. A chi non piace di tanto in tanto ricevere lodi?

Insegna ai bambini come chiedere aiuto se necessario e come accettare le critiche

Imparare da critiche costruttive è il modo in cui vostro figlio può sviluppare una comprensione di alcune delle lezioni di vita più importanti. Tuttavia non è così facile come sembra. I bambini non se la cavano molto bene nel gestire le critiche e, quindi, spetta al genitore rendere più facile per i loro figli elaborare un commento negativo e che possa loro insegnare qualcosa..

In particolare, con le piattaforme di social media, i vostri figli sono molto vulnerabili alle critiche dei loro coetanei. Credo fermamente che sia essenziale insegnare al vostro prezioso bambino che le opinioni degli altri verso di lui non hanno nulla a che fare con egli stesso. Ciò che gli altri pensano di lui è affar loro o, a seconda dei casi, un loro problema. C’è un’ingegnosa filastrocca infantile che recita: «Bastoni e pietre possono spezzarmi le ossa, ma le parole non mi faranno mai male».

In generale, il vortice di sensibilità ai commenti in cui i vostri figli potrebbero trovarsi intrappolati inizia a scuola. Il primo passo è incoraggiarlo a sentirsi abbastanza a suo agio da esprimere i propri sentimenti e opinioni di fronte a te.

Seguendo la loro espressione, potresti voler entrare in empatia con il loro senso di imbarazzo o senso di colpa. Assicurati di iniziare con il riconoscimento delle loro emozioni in un modo in cui è più probabile che rispondano.

bambino insegnare bambini
Mamma, potrei aver bisogno di un po’ di aiuto, dopo tutto. (Immagine: flickr / thebittenword / CC BY 2.0)

Puoi iniziare con qualcosa come «So che sei arrabbiato» e procedere gradualmente per fargli identificare cosa sia effettivamente andato storto. La capacità di tuo figlio di cogliere la comprensione delle critiche costruttive e di trarne lezioni si sviluppa gradualmente. Assicurati di essere compassionevole e comprensivo nei loro confronti per tutto il tempo.

Imparare il rispetto e l’autostima

Rispettare qualcuno significa fornire a quella persona in particolare amore e sufficiente attenzione. La genitorialità positiva implica che i genitori insegnino ai loro figli a essere rispettosi senza essere scortesi o indisciplinati nei comportamenti nei loro confronti.

Affrontare i segni di mancanza di rispetto in tuo figlio deve essere fatto presto, ma deve essere fatto senza lamentarti di quanto sia «irrispettoso». Ricorda che i bambini riflettono il tuo comportamento a casa e quindi, come genitori, è necessario che non mostriate comportamenti inappropriati e di disapprovazione.

Imparare a essere gentili è un processo continuo. Come genitori orgogliosi di un bambino, dovete mantenere la razionalità, aiutare vostro figlio a vivere le sue emozioni mentre si sviluppa in un essere umano più gentile ed empatico e costruisce fiducia e autostima in se stesso.

Tenete presente anche che alcuni bambini, come gli adulti, sono fieramente indipendenti e autosufficienti, e vogliono capire tutto da soli. Se questo è il profilo di vostro figlio, vi suggerisco, se posso, di rispettare quella nobile caratteristica e allo stesso tempo continuare, come genitori saggi, a monitorare e vigilare sul suo benessere e la sua salute. Sappiate che, in particolare gli adolescenti, sono già abbastanza grandi da sapere tutto. Si tratta solo di trovare un equilibrio.

Tradotto da: Andrea Murgia
Articolo in inglese: https://visiontimes.com/2021/02/17/how-to-let-children-learn-to-be-kind-to-family-members-and-others.html