Istituti Confucio: Studenti Ne Chiedono La Chiusura

Istituti Confucio
Gruppi di studenti politici cinesi hanno chiesto la chiusura degli Istituti Confucio. (Immagine: Kreeder13 via wikimedia CC BY-SA 4.0)

I Democratici del Collegio d’America e il Comitato Nazionale Repubblicano del Collegio hanno recentemente firmato una lettera aperta. Chiedono di chiudere tutti gli Istituti Confucio che operano nei campus americani. Entrambi i gruppi hanno sottolineato che i comunisti cinesi finanziano questi istituti per i loro programmi, rendendoli una minaccia alla libertà educativa in America.

Chiudere gli istituti

«I flagranti tentativi del governo cinese di costringere e controllare il discorso nelle università degli Stati Uniti e del mondo rappresentano una minaccia esistenziale alla libertà accademica così come la conosciamo… È un imperativo civico e morale per noi proteggere quella libertà… Ha manipolato le istituzioni multilaterali del mondo in tempi di crisi, ha compromesso le nostre comunità di intrattenimento, di notizie e di affari e sta commettendo crimini contro l’umanità contro i tibetani e gli uiguri», afferma la lettera, come riportato da Fox News.

La lettera avverte che gli Istituti Confucio stavano facendo pressione sugli studenti cinesi che studiavano negli Stati Uniti per eseguire gli ordini del regime comunista. Gli argomenti considerati «sensibili» sono censurati dall’istituto. Oltre ai due gruppi politici studenteschi, la lettera è stata firmata da varie altre organizzazioni. Tra di esse, gruppi per i diritti umani che rappresentavano gli hongkonghesi, i taiwanesi, gli uiguri, i tibetani e altri che sono stati perseguitati dal regime cinese.

Paura di ritorsioni alle famiglie in Cina

Caleb Max, un dirigente dell’Università George Mason di Fairfax, Virginia, ha dichiarato che una delle sue motivazioni per sfidare una crescente influenza comunista nei campus americani è stata la scoperta che alcuni studenti cinesi della sua università hanno ammesso di essere estremamente intimiditi dal personale degli Istituti Confucio. Uno studente disse a Max che l’Istituto lo stava «infastidendo». Alla domanda se avrebbero firmato la lettera aperta, gli studenti apparvero riluttanti. Risposero infatti che avevano paura di quello che il regime comunista avrebbe fatto alle loro famiglie in Cina se avessero fatto una cosa del genere.

Mike Pompeo America
Mike Pompeo ha messo in guardia dai pericoli dell’interferenza cinese nel sistema educativo della K-12. (Immagine: Wikimedia / CC0 1.0)

Gli Istituti Confucio sono spesso ben finanziati. Dopo tutto, il governo cinese ha stanziato quasi 100 milioni di dollari per questi istituti che operano all’interno dell’America. Un audit interno del 2017 condotto da George Mason ha rilevato che il suo Istituto Confucio ha ricevuto 386.000 dollari di finanziamenti nel periodo 2016-2017, spendendo 344.000 dollari.

All’inizio di quest’anno, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha avvertito che l’infiltrazione cinese nel sistema educativo K-12 era un problema importante. Ha sottolineato il momento in cui gli studenti dell’Università di San Diego sono stati pagati dal consolato cinese per protestare contro il Dalai Lama. Il Partito comunista cinese sta sviluppando legami con i politici locali e le scuole della contea attraverso progetti come il «Sister City Program».

La Svezia chiude

In Svezia, il governo ha chiuso tutti gli Istituti Confucio e le aule. Anche le collaborazioni con le città sono terminate. Secondo un rapporto, la Svezia è il primo paese in Europa ad averli chiusoìi completamente. Il primo Istituto Confucio in Svezia è stato aperto all’Università di Stoccolma nel 2005. Dieci anni dopo, nel 2015, l’università ha rescisso il contratto a causa delle preoccupazioni sui diritti umani. Nel dicembre 2019, l’Università di Tecnologia di Lulea ha annunciato la chiusura dell’ultimo Istituto Confucio in Svezia.

università Stoccolma Svezia
L’Università di Stoccolma è stata la prima ad avere un Istituto Confucio in Svezia. (Immagine: Esquilo tramite Wikimedia CC BY-SA 3.0)

Le relazioni tra la Svezia e la Cina hanno registrato una tendenza al ribasso negli ultimi tempi. L’ultima mossa per limitare l’influenza cinese nel Paese non è stata una sorpresa. Il governo svedese era preoccupato per l’acquisizione di imprese cinesi, per la repressione in Cina e per il caso dell’editore svedese Gui Minhai, attualmente detenuto dal regime cinese.

Tradotto da: Massimiliano Volpato

Articolo in inglese: https://www.visiontimes.com/2020/06/17/republican-and-democrat-students-demand-shutdown-of-confucius-institutes.html