Re Zhuang alla festa delle nappe: un antica storia cinese che insegna il perdono

La festa delle nappe del Re Zhuang insegna che tolleranza non significa rinunciare alla propria dignità; la tolleranza è l'uso della saggezza e della virtù per trattare gli altri con gentilezza.
Re Zhuang di Chu (楚庄王 regnò dal 613 al 591 a.C.). (Immagine: dominio pubblico)
Re Zhuang di Chu (楚庄王 regnò dal 613 al 591 a.C.). (Immagine: dominio pubblico)

Il re Zhuang di Chu (楚莊王), fu uno dei cinque egemoni del periodo delle Primavere e degli Autunni (春秋五霸, 770-476 a.C.) e il monarca più abile di Chu.

Durante una celebrazione a seguito di una ribellione repressa con efficacia, il re Zhuang e i suoi ministri bevvero a sazietà. Il re Zhuang invitò la sua concubina Xu Ji a brindare ai ministri. La sera, ordinò alla corte di accendere le candele, e il canto e la danza continuarono.

Improvvisamente una folata di vento spense le candele. Nell’oscurità, uno dei cortigiani ubriachi alzò i vestiti di Xu Ji. A quei tempi, nessun uomo era ammesso a palazzo a meno che non fosse castrato. L’atto di aggredire una concubina in quel modo era un reato grave. Lei tirò via la nappa dal cappello del cortigiano e chiese al re Zhuang di occuparsi di lui. Il re Zhuang non solo non fece nulla a riguardo, ma disse a voce alta che tutti dovevano togliersi le nappe, rilassarsi divertirsi e fare festa. Dopo che tutti i ministri si tolsero le nappe, il re Zhuang ordinò di riaccendere le candele.

Xu Ji era sorpresa e arrabbiata allo stesso tempo. Quando il banchetto finì, si lamentò con il re. Egli rispose: La negligenza dopo aver bevuto è giustificata. Se dovessi condannare a morte un ministro per una cosa del genere, gelerebbe il cuore degli altri ministri, e non sarebbero in grado di fare del loro meglio per difendere il paese”. Annuendo, Xu Ji ascoltò e acconsentì.

Il ministro era senza dubbio in difetto per il suo comportamento da ubriaco, ma il re Zhuang mostrò ampiezza di vedute nel modo in cui gestì l’accaduto. Col tempo, fu ripagato per la sua gentilezza.

Quando il re Zhuang condusse le sue truppe per attaccare lo stato di Zheng, subì un’imboscata e si trovò in una situazione critica. Tang Cui, il vice generale dell’esercito Chu, si precipitò da solo nelle linee nemiche e salvò il re Zhuang dal caos. Il re di Chu era molto grato e voleva ricompensarlo. Così Tang Cui gli rivelò che era stato lui a sollevare i vestiti di Xu Ji alla “festa delle nappe”.

In seguito, la storia della “festa delle nappe(絕纓之宴 Jué yīng zhī yàn)” fu usata come riferimento alla generosità nel trattare le persone.

Tolleranza non significa rinunciare alla propria dignità; la tolleranza è l’uso della saggezza e della virtù per trattare gli altri con gentilezza.

Tradotto da: Monica Padoan

Articolo in inglese: https://www.visiontimes.com/2021/07/12/a-forgiving-nature-is-always-rewarded.html