L’AMA “Nega la scienza” e raccomanda di escludere il genere dai certificati di nascita

Secondo l'AMA, l'accesso alla sezione di identificazione del sesso di un certificato di nascita dovrebbe essere limitato solo all'individuo e al suo medico; escludere il genere, sarebbe un grande passo verso la riduzione della discriminazione e la disuguaglianza.
Il comitato LGBTQ dell'American Medical Association ha consigliato di rimuovere l'identificazione del sesso nei certificati di nascita in quanto potrebbe essere discriminatoria per gli individui senza identità sessuale. (Immagine: u_jqskahw9 tramite Pixabay)
Il comitato LGBTQ dell'American Medical Association ha consigliato di rimuovere l'identificazione del sesso nei certificati di nascita in quanto potrebbe essere discriminatoria per gli individui senza identità sessuale. (Immagine: u_jqskahw9 tramite Pixabay)

L’Agenzia Medica Americana (AMA) ha raccomandato che il governo degli Stati Uniti smetta di includere la classificazione del genere nei certificati di nascita. Attualmente, nella parte pubblica dei loro certificati, le persone sono classificate come “maschio” o “femmina”.

L’AMA ha sostenuto che, verso gli americani che non si identificano con il sesso assegnato alla loro nascita, tale classificazione sottoporrebbe a “confusione, possibile discriminazione, molestie e violenza ogni volta che il loro certificato di nascita viene richiesto”. L’AMA ha espresso tale osservazione in un rapporto pubblicato dal suo comitato consultivo LGBTQ in giugno.

I certificati di nascita non sono documenti pubblici, poichè contengono informazioni personali. Tuttavia, sono necessari per esigenze di primaria importanza come l’acquisizione di una patente di guida o di un passaporto. Sono necessari anche per altri scopi, come l’iscrizione a una scuola, l’ottenimento di un certificato di matrimonio, l’accesso alle cartelle cliniche personali e l’impiego.

Secondo l’AMA, l’accesso alla sezione di identificazione del sesso di un certificato di nascita dovrebbe essere limitato solo all’individuo e al suo medico.

Assegnare il sesso usando una variabile binaria e metterlo sulla parte pubblica del certificato di nascita permette di perpetuare una visione del sesso come immutabile e non riconosce lo sviluppo dell’identità di genere. La partecipazione della professione medica e del governo nell’assegnazione del sesso è spesso usata come prova a sostegno di questa visione binaria“, ha indicato il rapporto dell’AMA.

L’organizzazione ha affermato che la proposta non affronterebbe in modo completo le disuguaglianze e i problemi affrontati dai membri delle comunità transgender e intersessuali. Ma il fatto di escludere il genere dal certificato di nascita sarebbe un ” importante primo passo, con la voce autorevole della nostra AMA ad aprire la strada”.

Un numero crescente di paesi negli Stati Uniti sta compiendo sforzi per rendere i documenti governativi più “inclusivi” dal punto di vista del genere. Per esempio, Washington, D.C. fornisce un’opzione di identificazione di genere “X” sui certificati di nascita e sulle patenti di guida. Più di dieci stati forniscono un’opzione simile sulle patenti di guida ma non sui certificati di nascita.

A giugno, il Dipartimento di Stato ha annunciato che gli individui che fanno domanda per un passaporto possono ora selezionare il loro genere preferito senza dover fornire alcun tipo di certificazione medica nel caso in cui il loro genere auto-selezionato non corrisponda ad altre forme di identità.

Secondo la Human Rights Campaign, il concetto di genere è una scelta individuale. Le persone avrebbero il diritto di identificarsi come “maschio, femmina, una miscela di entrambi o nessuno dei due… L’identità di genere può essere la stessa o diversa dal sesso assegnato alla nascita”.

In un’intervista con il Seattle Times, V. Varun Chaudhary, assistente professore di studi su donne, genere e sessualità alla Brandeis University, ha detto che le persone sono “davvero attaccate” ad un modello di sesso binario.

“La raccomandazione può indicare che il sesso non è importante per cose come i certificati di nascita, ma se le persone sono ancora legate ad un modello sessuale binario, troveranno altri modi per determinare queste cose”, ha dichiarato Chaudhary.

Critiche

In un articolo pubblicato il 3 agosto da The Federalist, l’assistente redattore Kylee Zempel sostiene che la nuova proposta di genere da parte dell’AMA non era valido dal punto di vista medico né scientifico.

Secondo la raccomandazione dell’AMA, la rimozione della denominazione del genere negli Stati Uniti è applicabile solo sui documenti di nascita e non sul certificato standard statunitense di nascita dal vivo. Questo significa che, per ragioni scientifiche e statistiche, il sesso di un neonato continuerà ad essere riportato alle agenzie governative come in precedenza. Tuttavia, il governo federale semplicemente non includerà quella distinzione di sesso sul certificato di nascita che emetterà successivamente.

In altre parole, il consiglio dell’AMA sostiene che l’eliminazione di queste distinzioni di sesso sul certificato di nascita protegga le persone con identità transgender dalla violenza e dalla discriminazione, ma la loro realtà biologica sarebbe ancora riportata al governo per scopi medici”, afferma l’articolo.

Zempel si domanda perché l’AMA, che è un’organizzazione formata da medici, stesse formulando una raccomandazione per un documento non medico. Ha accusato la valutazione dell’AMA di non basarsi sulla scienza medica. Ha dichiarato che è “il prossimo passo nella pericolosa trasformazione dell’assistenza sanitaria in un pozzo nero di giustizia sociale privo di scienza”.

In un comunicato stampa rilasciato il 5 agosto, l’American College of Pediatricians (ACPeds) ha accusato l’AMA di voler rimuovere i marcatori di sesso “negando la scienza”. Ha affermato che l’AMA sta ricevendo “critiche giustificate” per la sua raccomandazione.

Questo è precisamente il motivo per cui il sesso deve essere presente… L’identificazione del sesso nella parte pubblica del certificato di nascita afferma il fatto scientifico che il sesso è un elemento binario innato e immutabile di significato pubblico; un tratto determinato dalla genetica al momento della fecondazione“, ha detto in una dichiarazione la Dottoressa Michelle Cretella, direttore esecutivo di ACPeds.

Articolo in inglese: https://www.visiontimes.com/2021/08/14/the-ama-denies-science-recommends-excluding-gender-on-birth-certificates.html