Le Maschere Facciali Aumentano I’lnquinamento Nell’Ambiente?

Prima del COVID-19, la maggior parte delle persone utilizzava le maschere facciali per bloccare l'inquinamento. Tuttavia, questo dà solo un falso senso di sicurezza.
donna maschere facciali ambiente
Le mascherine facciali possono causare inquinamento. (Immagine: Pixabay / CC0 1.0 )

Prima della pandemia di coronavirus, le persone indossavano maschere facciali per proteggersi dall’inquinamento atmosferico. Con la diffusione del COVID-19, l’uso delle maschere facciali è salito drasticamente in tutto il mondo colpendo l’ambiente. Di conseguenza, molti ambientalisti temono che un consumo così massiccio possa portare alla produzione di rifiuti su larga scala. La diretta conseguenza è l’inquinamento del territorio e degli oceani.

Inquinamento da maschere facciali

OceansAsia, un gruppo ambientalista, ha condotto una ricerca sull’isola Soko di Hong Kong per determinare l’impatto delle maschere facciali sull’ambiente. Hanno scoperto che molte delle maschere chirurgiche si trovavano abbandonate sulla costa. La maggior parte non erano così vecchie e molte di esse sembravano quasi nuove di zecca.

«Abbiamo trovato 70 maschere scartate nel raggio di 100 metri dalla spiaggia e altre 30 maschere quando siamo tornati una settimana dopo. Nel corso del tempo la squadra ha visto ancora le strane maschere, tuttavia, questa volta erano tutte lungo la linea dell’alta marea e la battigia, con nuovi arrivi tramite la corrente. Quando improvvisamente si ha una popolazione di sette milioni di persone che indossano una o due maschere al giorno, la quantità di spazzatura generata sarà notevole», ha detto Gary Stokes, fondatore di OceanAsia, a Energy Live News.

rifiuti plastica
I sistemi di riciclaggio sono sotto pressione a causa dei budget più bassi. (Immagine: Pixabay / CC0 1.0)

In tutto il mondo, si stima che il COVID-19 abbia portato all’utilizzo di 65 miliardi di guanti e 129 miliardi di maschere facciali al mese. Greenpeace Taiwan ha calcolato che Taiwan ha utilizzato circa 1,3 miliardi di maschere chirurgiche tra febbraio e maggio. Ha generato così rifiuti per un totale di 5.500 tonnellate. L’urgenza della pandemia di coronavirus del PCC significa che i governi di tutto il mondo si sono limitati a produrre il maggior numero possibile di maschere. Tuttavia non hanno stabilito canali adeguati per il loro smaltimento.

Rilasciano polipropilene e plastica

Le maschere facciali scartate con noncuranza rappresentano numerose minacce per l’ambiente. Per prima cosa spesso contengono polipropilene, un polimero termoplastico che dura a lungo e rilascia tossine nel terreno e nell’atmosfera. Quelle che finiscono negli oceani rilasciano particelle di plastica che diventano parte della catena alimentare. In alcune zone, soprattutto in quelle rurali, la gente potrebbe gettare le maschere nelle regioni montuose e nelle foreste, pensando di essersi liberata dei rifiuti. Ma i rifiuti non faranno altro che danneggiare l’ambiente della regione e rappresentare un rischio per la fauna selvatica.

ciminiere gas tossici cielo
Le maschere facciali non possono bloccare i gas tossici. (Immagine: Pixabay / CC0 1.0)

I sistemi di riciclaggio in tutto il mondo si stanno apparentemente sgretolando a causa dei budget ridotti dovuti alla pandemia. Dei 9.000 impianti di riciclaggio negli Stati Uniti, le operazioni della maggior parte di essi sono legate al budget dei comuni locali. Dal momento che questi comuni stanno reindirizzando gran parte dei loro fondi per la gestione della pandemia e dei suoi effetti, molti hanno sospeso le attività di riciclaggio. Di conseguenza, i milioni di maschere facciali che utilizziamo non avranno altro posto dove andare se non sotto terra o in mare, causando problemi importanti in futuro. Il politico francese Eric Pauget definisce le maschere facciali una «bomba ecologica ad orologeria», visti i loro effetti tossici e la loro durata di 450 anni.

Salvaguardare dall’inquinamento atmosferico?

Al di fuori del COVID-19, la maggior parte delle persone ha usato le maschere facciali per bloccare l’inquinamento. Tuttavia, questo dà solo un falso senso di sicurezza. La maggior parte delle maschere sono fatte con materiali come il cotone o materiali simili che sono disposti in tre o più strati. Queste maschere sono efficaci nel catturare le goccioline d’acqua che potrebbero contenere virus o batteri.

Tali goccioline sono di solito pari a 100 micrometri di dimensione, più o meno equivalente a granelli di polvere o granelli di polline. Tuttavia, quando parliamo di inquinamento, dobbiamo considerare i gas tossici come l’ozono, il biossido di azoto, le sostanze organiche volatili e così via. Le maschere facciali sono completamente impotenti quando si tratta di bloccare questi gas, comprese quelle con tessuti di alta qualità.

Tradotto da: Massimiliano Volpato

Articolo in inglese: https://visiontimes.com/2020/09/22/do-face-masks-increase-pollution.html