Le Più Grandi Paure Della Nostra Vita

football americano giocatore campo paure
La paura di fallire può colpire durante l'ultima fase di una sfida. (Immagine:Pixabay / CC0 1.0)

La paura è il più grande fattore debilitante della nostra vita. Ci impedisce di esplorare appieno il nostro potenziale, di avventurarci in zone sconosciute, di incontrare nuove persone, di difendere i nostri valori; in breve, di vivere una vita piena. Molte persone considerano di avere un’unica paura che causa la maggior parte delle loro preoccupazioni, ma, in realtà, potrebbe essere una combinazione di paure diverse. Guardiamo alcune paure che hanno avuto il maggiore impatto sulle persone, e i modi per superarle.

Paura del fallimento

Spesso derivante, come altre paure, da traumi infantili, la paura di fallire colpisce nell’ultima fase di una sfida, sia essa sportiva, lavorativa o familiare. L’ultimo ostacolo si rivela insopportabile. Per il candidato la pressione è troppo grande da tollerare e lui o lei si arrende e cade. La cosa interessante della paura è che la maggior parte di ciò che temiamo è creato dentro le nostre menti. L’emozione non è onnipotente e non è qualcosa di esterno. No, la paura è dentro di noi. E quindi possiamo scegliere di non crearne.

Definire le nostre paure le rende più facili da controllare. In un Ted Talk, Tim Ferriss, l’autore di bestseller, ci insegna a scrivere una lista di controllo della paura. Questo ci aiuta a definire le nostre paure per aiutarci a gestirle in modo più efficace. Fate questo esercizio. Prendete un foglio di carta e dividetelo in 3 colonne: le vostre paure, cosa succede nel peggiore dei casi e cosa si può fare. Questa lista vi mostrerà ciò di cui avete paura nella realtà, e ciò che vi manca se cederete alla paura.

Paura dell’ignoto

giardino
Molti temono il buio.  (Immagine: Pixabay / CC0 1.0)

Molte persone temono il buio. Non sanno cosa si nasconde nell’ombra. Preferiscono non pensarci. Non sanno cosa faranno se le loro peggiori paure prenderanno vita. Rimarrebbero paralizzati o avrebbero la forza di affrontarle? Questo deriva dai tempi antichi in cui andavamo a caccia, poiché le zone selvagge e sconosciute non davano sicurezza mentre si esplorava e la vicinanza della tribù conosciuta garantiva salute e vita.

Molte persone tendono a vivere con molteplici nozioni di come tutto dovrebbe essere. La casa, la famiglia, il lavoro – hanno un’idea incorporata di come tutto dovrebbe funzionare. Non potrebbero sopportarlo se fosse altrimenti. Un cambiamento nella normale routine li manda in delirio. L’eccitazione e il senso dell’avventura sono ciò che bisogna coltivare in questi tempi. La vita è imprevedibile. Non importa quanto pianifichiamo, non ha bisogno di funzionare in questo modo. Non importa quanto crediamo o visualizziamo, alcune cose non si realizzano mai. Questa è solo la dura realtà della vita.

Cambiate la vostra prospettiva. Lasciatevi andare. Dovreste smetterla di aggrapparvi alle cose famigliari con una presa mortale. Per liberarsi della paura dell’ignoto, entrate nell’oscurità e affrontate la vostra paura. Fate qualcosa che avete sempre temuto di fare. Presto vi renderete conto che era solo una facciata.

Paura del tempo

La vita scorre troppo velocemente al giorno d’oggi. Tutti l’hanno sentito, ma come può essere vero? Il tempo è come è sempre stato, no? Può darsi. Beh, in ogni caso, non si può cambiare. Imparate ad accettare le cose che non potete cambiare. La cronofobia è la paura del «trascorrere del tempo».

clessidra uomo tempo
La cronofobia è la paura del «trascorrere del tempo». (Immagine: Pixabay / CC0 1.0)

È associata alla paura di poter raggiungere i propri obiettivi e di vivere la vita che si è sempre voluta, e se c’è ancora tempo per cambiare. Una paura associata è la paura di perdere l’obiettivo (FOMO).

I sintomi della cronofobia includono un aumento del battito cardiaco, mancanza di respiro, ansia, vomito, sensazione di svenimento, attacchi di panico in casi estremi e difficoltà a ricordare le cose legate al tempo. Per superare questa paura, bisogna prima di tutto concentrarsi su ciò che si può controllare. Iniziate una pratica di meditazione. Questo aiuterà a calmare i vostri nervi e a risollevare il vostro spirito. Quando iniziate a radicarvi nella realtà, dovreste considerare la possibilità di sfidare voi stessi e di aumentare i vostri limiti di tolleranza. Lentamente ma inesorabilmente, raggiungerete la calma e la serenità e sarete in grado di gestire le situazioni quotidiane con facilità.

Identificare la causa alla radice delle vostre paure è il primo passo per superarle. Affrontate le vostre paure, lavorate sui vostri punti di forza, aumentate i vostri punti di forza e non siate timidi nel cercare un aiuto professionale.

«Il coraggio non è l’assenza di paura, ma piuttosto la valutazione che qualcos’altro è più importante della paura». – Franklin D. Roosevelt.

Tradotto da: Monica Padoan

Articolo in inglese: https://www.visiontimes.it/wp-admin/post.php?post=10786&action=edit