Antica Cina: rinasce l’epico manoscritto Guoque

capolavoro manoscritto storico Tian Qian riscrivere sforzi

Verso la fine della Dinastia Ming, lo storico Tan Qian impiegò 20 anni di sforzi scrupolosi per completare la stesura della cronaca «Guoque» (Immagine: pixabay CC0 1.0)

Verso la fine della Dinastia Ming, lo storico Tan Qian impiegò 20 anni di sforzi scrupolosi per completare la stesura della cronaca Guoque. La sua gioia la possiamo solo immaginare mentre aveva davanti un’opera così grande da poter essere tramandata nella storia. Tuttavia, una notte un ladro entrò nella sua casa per derubarlo. Non trovando nulla di prezioso, pensò che il manoscritto custodito in una scatola di bambù potesse valere molto denaro e lo portò via con sé. Guoque, di conseguenza, divenne introvabile.

Più di 20 anni di lavoro stancante svaniti nel nulla. Fu un colpo davvero forte per un signore che oramai aveva più di 60 anni e i cui capelli erano diventati bianchi. Nonostante tutto Tian Qian si riprese dal dolore e decise di scrivere nuovamente la cronaca dall’inizio. Dopo 10 anni di ardui sforzi, nacque un altro manoscritto. Il Guoque appena scritto, per un totale di 104 volumi e 5 milioni di parole, fu più informativo e completo della versione precedente. Soprattutto, gli permise di lasciare per sempre il suo nome scritto nella storia.

Il Guoque appena terminato, composto da 104 volumi e 5 milioni di parole, era più informativo e completo rispetto alla versione precedente. (Immagine: pixabay / CC0 1.0)

Sfide simili capitarono anche allo storico inglese Thomas Carlyle. Egli, dopo alcuni anni di sforzi estremi, completò il manoscritto La Rivoluzione Francese e decise di prestarlo all’amico fidato John Stuart Mill, per avere un parere. Tuttavia, pochi giorni dopo, Mill corse disperato e pallido da Carlyle. La bozza del libro era stata bruciata come carta straccia dalla sua domestica, eccetto per poche pagine sparse. Lo storico rimase estremamente frustrato per la brutta notizia ma prestò si rianimò. Acquistò una grande quantità di carta da manoscritti e diligentemente lo riscrisse. Quella che leggiamo oggi è il secondo tentativo di Carlyle.

Scritto da Helen.

Articolo in inglese: https://www.visiontimes.com/2020/05/01/an-epic-masterpiece-reborn.html