L’organizzazione legata ad Hamas invia richieste islamiste a Biden

Il Consiglio Americano sulle Relazione Islamiche (CAIR) ha elaborato di recente un programma destinato all’amministrazione Biden-Harris. L'organizzazione, in passato, ha supportato il gruppo terroristico Hamas.
Joe Biden
Il CAIR chiede a a Biden di accettare le sue richieste islamiste. (Immagine: Gage Skidmore/Wikimedia Commons / CC0 2.0)

Il Consiglio Americano sulle Relazione Islamiche (CAIR) è un organizzazione che in passato ha supportato il gruppo terroristico Hamas. Di recente ha elaborato un programma destinato all’amministrazione Biden-Harris. Descrive in dettaglio quali argomenti della comunità Islamica dovrebbero essere approfonditi entro i 100 giorni del mandato. Tali richieste non rispecchiano gli interessi degli Stati Uniti.

«Siamo fiduciosi che l’amministrazione Biden-Harris promuoverà cambiamenti positivi e risanerà i danni causati dalle precedenti amministrazioni nei settori della sicurezza nazionale, del profilo razziale, della sorveglianza e della politica estera. L’agenda di 100 giorni per il CAIR include iniziative «evergreen» e nuove proposte, la cui adesione da parte dell’amministrazione risulta essere di fondamentale importanza al fine di poter mantenere le promesse fatte, per il rispetto dei diritti e della libertà di tutte le persone», ha affermato in una dichiarazione il direttore esecutivo del CAIR-SFBA Zahra Billoo. Le richieste dell’agenda di 100 giorni includono:

  • Tagliare i fondi del programma di sovvenzioni Department of Homeland Security’s Targeted Violence and Terrorism Prevention che cerca di ridurre al minimo i messaggi violenti nelle comunità                                  
  • Rifiutare i nuovi statuti sul terrorismo interno
  • Investire in programmi di reinsediamento dei rifugiati e migliorare la protezione dei richiedenti asilo
  • Richiedere al Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) degli Stati Uniti di fornire maggiori finanziamenti alle cliniche gestite da musulmani americani
  • Fornire ai musulmani americani un maggiore accesso al capitale
  • Sostenere le libertà religiose dei musulmani in Paesi come l’India e la Birmania, che da decenni sono alle prese con l’Islam radicale
  • Opporsi all’Articolo 370 della Costituzione Indiana
  • Interrompere la vendita di armi agli Emirati Arabi Uniti e all’Arabia Saudita ritirando i consiglieri militari americani dalla coalizione guidata dai sauditi nello Yemen.

Queste richieste danneggiano l’interesse dell’America, mentre promuovono il fondamentalismo Islamico in tutto il mondo

Il CAIR ha avanzato queste richieste con il pretesto di proteggere i diritti dei musulmani e la libertà religiosa in America. Ad esempio, chiede agli Stati Uniti di rifiutare qualsiasi nuovo statuto sul terrorismo interno. Ciò significa chiedere all’America di compromettere la sua sicurezza nazionale. Chiede agli Stati Uniti di abbandonare il sostegno all’alleanza saudita in Yemen. Ciò significa concedere il futuro di quella regione ai fondamentalisti islamici iraniani. Chiedere a Washington di opporsi all’articolo 370 dell’India si oppone ai valori americani. L’articolo rafforza la libertà di fede in una regione che storicamente è occupata da ideologie islamiche radicali.

siringa infermiere covid
Il CAIR richiede di garantire che i musulmani americani abbiano pari possibilità di accesso al vaccino COVID-19. (Immagine: Pixabay)

L’agenda del CAIR richiede anche di garantire che i musulmani americani abbiano pari possibilità di accesso al vaccino COVID-19. Ma l’amministrazione Trump non ha approvato alcuna legge che imponga ai musulmani americani di essere esentati. La richiesta dell’agenda di «parità di accesso» al vaccino non ha fondamento. È solo paura.

Secondo il CAIR, il suo programma è approvato dal Consiglio delle organizzazioni musulmane degli Stati Uniti. Questa è la più grande coalizione di istituzioni islamiche in America. È noto che i capi del CAIR distribuiscono opuscoli che chiedono ai musulmani di non collaborare con le forze dell’ordine. Un membro del CAIR, Hussam Ayloush, è noto per aver chiesto il rovesciamento del governo degli Stati Uniti.

Altre richieste

Ismail Haniyeh, il capo del gruppo terroristico Hamas, ha chiesto a Biden di revocare la decisione di Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. Ha esortato Biden a «correggere l’andamento delle politiche sleali degli Stati Uniti nei confronti del popolo palestinese che ha reso gli Stati Uniti un partner [di Israele] nell’oppressione e nell’aggressione». Ha anche chiesto a Biden di «rispettare la volontà del popolo palestinese e le sue scelte democratiche».

La legge nei territori palestinesi afferma che la Sharia deve essere la fonte della legislazione. Un altro membro di Hamas, Khaled Mashaal, ha affermato che «un male si è allontanato da noi». Si riferiva a un secondo mandato presidenziale per Trump. Mashaal è stato il leader di Hamas tra il 1996 e il 2017.

Tradotto da: Andrea Murgia

Articolo in inglese: https://visiontimes.com/2020/12/29/traditional-ways-to-protect-yourself-from-covid-19.html