Navarro: Unione Europea accordo commerciale con Pechino, è un rischio

Navarro ha messo in guardia dai rischi legati alla stipula di accordi con il PCC, dichiarando: «Ogni volta che si stipula un accordo con la Cina comunista, si presume che essi lo rispetteranno a loro volta e non lo fanno mai».
Angela Merkel
La cancelliera tedesca Angela Merkel. (Immagine: tramite Flickr CC0 1.0)

Peter Navarro è il Direttore dell’Ufficio del Commercio e delle Politiche degli Stati Uniti. Ha rilasciato un’intervista a Fox Business in cui ha dichiarato che l’Unione Europea, in previsione dell’accordo commerciale con la Repubblica Popolare Cinese (RPC), ha seguito una «lunga tradizione di pacificazione»

«Questa è fondamentalmente una situazione in cui l’Unione Europea ha lo stesso tipo di pressione delle multinazionali sul loro sistema politico che abbiamo qui negli USA», ha detto Navarro.

L’Unione Europea il 30 dicembre ha annunciato di aver raggiunto una «conclusione di principio» su un accordo in corso da sette anni con la Cina comunista. È intitolata «EU and China Comprehensive Agreement on Investment». L’UE dichiara di aver raggiunto l’accordo durante una videoconferenza. A questa hanno partecipato il leader cinese Xi Jinping e il presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen. Oltre al il presidente del Consiglio dell’UE Charles Michel, il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron.

La scheda informativa dell’accordo afferma che le imprese statali cinesi faranno affari in modo equo con le loro controparti europee. Tale accordo prevede che prenderebbero «decisioni basate esclusivamente su considerazioni commerciali», non «discriminerebbero le imprese europee» quando trattano beni e servizi, e «condividerebbero informazioni e si consulterebbero» qualora imprese statali influenzassero gli investitori europei.

Il Partito Comunista Cinese (PCC) ha anche affermato che proibirebbe i requisiti di investimento sul trasferimento di tecnologia dalle aziende europee alle imprese statali. Inoltre proteggerebbe «le informazioni commerciali riservate».

Navarro mette in guardia UE : avere a che fare con Pechino è un rischio

Navarro ha messo in guardia l’Unione Europea dai rischi legati alla stipula di accordi con il PCC; ha dichiarato infatti: «Ogni volta che si stipula un accordo con la Cina comunista, si presume che essi lo rispetteranno a loro volta e non lo fanno mai».

I commenti di Navarro giungono sulla scia dei documenti rilasciati dal Peterson Institute of International Economics il 23 dicembre. Essi dimostrano che il PCC ha completamente mancato di rispettare gli impegni assunti nell’accordo di Fase Uno. È stato firmato tra gli Stati Uniti e la Cina nel gennaio del 2020.

«Questa sarà una vera e propria sfida geopolitica. Dal nostro punto di vista, le complicazioni geopolitiche sono i problemi più grandi che possiamo affrontare con questo, mentre la Cina comunista cerca di allinearsi con l’Europa», ha detto Navarro

In una dichiarazione, la Commissione dell’Unione Europea si è vantata del fatto che la Cina avrebbe giocato lealmente. È riportato «La Cina si è impegnata a garantire un maggiore livello di accesso al mercato per gli investitori dell’UE come mai prima d’ora…La Cina si sta anche impegnando a garantire un trattamento equo alle imprese dell’UE in modo che possano competere anche in termini di discipline per le imprese statali, trasparenza dei sussidi e regole contro il trasferimento forzato di tecnologie».

Critiche all’ Unione Europea per aver concesso alla Cina un accordo commerciale

Navarro ha criticato l’Unione Europea per aver concesso alla Cina un accordo commerciale, mentre il PCC continua le sue numerose violazioni dei diritti umani. Ha dichiarato infatti: «Questo è un pessimo affare per l’Europa». «Compromette i principi relativi ai campi di lavoro nello Xinjiang e allo schiacciamento della democrazia a Hong Kong».

Il vicepresidente esecutivo e commissario per il commercio Valdis Dombrovskis ha osservato ingenuamente nella dichiarazione, che l’Unione Europea ha saputo gestire l’aspetto umanitario della trattativa con la Cina comunista. Ha detto infatti che l’accordo «fissa la nostra agenda commerciale basata sui valori con uno dei nostri più grandi partner commerciali». Ci siamo assicurati impegni vincolanti per l’ambiente, il cambiamento climatico e la lotta al lavoro forzato».

L’UE ha voltato le spalle agli Stati Uniti?

Steve Moore, capo economista dell’Istituto per la libertà e le opportunità economiche, presente nel segmento, ha chiesto a Navarro in modo retorico: «Che diavolo sta succedendo in Europa? Si tratta di una pacificazione dei cinesi in un momento in cui sono una minaccia militare ed economica per il mondo intero in termini di sicurezza, in termini di violazioni dei diritti umani… Come possono essersi schierati gli europei con la Cina contro gli Stati Uniti?»

Navarro ha risposto: «L’Europa ha una lunga storia di pacificazione… ma non dimentichiamo che il Partito comunista cinese ha contagiato il mondo con una pandemia e nessuno sembra volerlo ritenere responsabile».

I suoi commenti si riferivano all’epidemia del virus del PCC il cui nome virologico è SARS-CoV-2. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), incentrata sulla Cina, ha coniato la malattia causata dal virus come «Coronavirus Malattia 2019 (COVID-19)».

Il Partito comunista cinese e l’OMS si sono alleati nei primi tempi della pandemia. Hanno ritardato di diverse settimane le informazioni vitali sull’infettività dell’agente patogeno nel mondo. Inoltre, il PCC ha messo a tacere il tutto arrestando i giornalisti, i medici e gli informatori. Ciò ha permesso alla pandemia di estendersi a livello globale. Ha ucciso 1,83 milioni di persone in tutto il mondo.

«Tutto ciò che ci hanno fondamentalmente dimostrato è che sono un regime in malafede, autoritario, brutale, che fondamentalmente schiavizzerà la gente. Perché vogliamo partecipare a tutto questo?», ha chiesto Navarro.

Tradotto da: Monica Padoan

Articolo in inglese: https://visiontimes.com/2021/01/05/eu-appeased-beijing-with-trade-deal-because-of-corporate-pressure-peter-navarro.html