Per Un Cuore Spezzato, Si Può Morire?

sindrome cuore spezzato foglia asfalto
Perdere qualcuno che si ama profondamente può causare un grande stress al cuore. (Immagine tramite pixabay CC0 1.0)

Il dolore intenso può causare una grande quantità di stress al cuore, che potrebbe portare ad una cardiomiopatia, nota anche come «sindrome del cuore spezzato». Quindi sì, si può morire di cuore spezzato. Questo non vale solo per la perdita di un partner, ma anche per chi si ama profondamente, ad esempio un bambino.

Ci sono molti esempi di tale sindrome che portano alla morte dell’individuo. Harold Knapke e Ruth Knapke sono stati sposati per 65 anni e hanno cresciuto insieme sei figli. Durante la sua vecchiaia, Harold soffriva di demenza e di problemi cardiaci e dormiva per la maggior parte del tempo. Poi, sua moglie si ammalò di una malattia terminale. Così i suoi figli lo informarono, la donna morì il giorno dopo e Ruth la seguì il giorno successivo. Era come se vivesse per sua moglie e quando vide che sua moglie non ce l’avrebbe fatta, abbandonò la sua volontà di vivere.

Studi su milioni di persone

Ci sono altre storie simili. Secondo uno studio dell’Università di Harvard e dell’Università di Yamanashi a Tokyo, i ricercatori hanno scoperto che dopo la morte di un coniuge c’ era un aumento del 41 per cento dei decessi durante i primi 6 mesi. Questo studio si è basato sui dati raccolti da 2,2 milioni di persone e ha scoperto che l’età non ha davvero importanza. I cuori spezzati valgono sia per i giovani che per gli anziani.

I ricercatori hanno scoperto che c’è stato un aumento del 41 per cento dei decessi durante i primi 6 mesi dopo la morte di un coniuge. (Immagine tramite pixabay CC0 1.0)

Gli uomini soffrono di questa sindrome in modo diverso dalle donne. Questo perché le donne tradizionalmente mantengono la casa e i rapporti familiari. Quando la moglie moriva, gli uomini subivano una perdita improvvisa e soffrivano di più se non sapevano cucinare. Si sentivano soli e si separavano dal resto della comunità. Le donne, invece, erano più colpite dalla morte di un bambino. Uno studio condotto nel 2013 ha rilevato che le donne hanno dovuto affrontare un aumento del 133 per cento dei decessi nei primi due anni subito dopo la morte di un bambino.

Cuore spezzato, si può guarire

Simile a un attacco di cuore, i sintomi e i risultati dei test mostrano drastici cambiamenti nel ritmo e nelle sostanze nel sangue. La differenza è che nella sindrome del cuore spezzato non ci sono arterie ostruite. Quello che accade è che una parte del cuore (camera del cuore in basso a sinistra) si ingrandisce temporaneamente e il sangue non viene pompato in modo adeguato, portando ad un’insufficienza muscolare cardiaca a breve termine.

Ma a differenza degli attacchi di cuore, che possono essere fatali, la sindrome da cuore spezzato non è così grave e di solito può guarire completamente entro settimane dal ricovero.

L’uomo è un essere sociale

Poiché l’uomo è un essere sociale, si sforza di circondarsi di coloro che ama e a cui tiene. Per quanto possa sembrare un cliché, egli vuole amare ed essere amato. Quando si tratta di vivere l’amore, più ce n’è, meglio è. Ma tutti vogliono che almeno una sola persona si prenda cura di loro. Questa relazione primaria è profonda e significativa e quando c’è una perdita improvvisa, l’individuo colpito non sa come affrontarla e mentalmente crolla. Questo peso mentale e la confusione che ne deriva aggravano gli ormoni dello stress nel corpo a tal punto che il cuore non riesce ad affrontarlo e alla fine fallisce.

fiori vaso sindrome cuore spezzato
Lo stress causato dalla perdita improvvisa di un rapporto profondo e significativo può causare una rapida e grave debolezza del muscolo cardiaco. (Immagine: tramite pixabay CC0 1.0)

Il Cuore spezzato e il tempo

Le principali cose che si possono fare per evitare la situazione sono l’esercizio fisico e il mantenimento del cuore in salute. L’esercizio fisico regolare e intenso permette anche di controllare l’accumulo di ormoni dello stress. Quando lo stress è gestito e il cuore è sano, la cosa successiva da gestire è l’atteggiamento. L’atteggiamento deriva da un sistema di credenze. Coltivare la resilienza mentale e la convinzione che la persona ora sia in un mondo migliore e libero da sofferenze aiuterà coloro che sono in lutto a superare più velocemente la situazione. Se vi trovate in un momento difficile dopo la morte di una persona cara, rivolgetevi sempre alla vostra famiglia e agli amici più stretti. La loro compagnia vi aiuterà a superare la difficile situazione fino a quando non sarete in grado di prendervi cura di voi stessi. Ricordate, il tempo guarisce. Dovete prendervi la giusta quantità di tempo.

Tradotto da: Massimiliano Volpato

Articolo in inglese: https://www.visiontimes.com/2020/06/24/can-you-die-from-a-broken-heart.html