Propaganda del PCC in Italia : Da carnefice a salvatore

propaganda del pcc in italia

La propaganda del PCC è arrivata in Italia. (Immagine: Pixabay CC0 1.0)

Mentre il Virus del PCC continua a a manifestare i suoi effetti dannosi in tutto il mondo, Pechino sembra intenzionata a voler sfruttare la situazione per rafforzare la sua reputazione in Italia. Dopo la firma degli accordi della Nuova via della seta del 2019, la propaganda cinese è arrivata in Italia, con l’obiettivo di mostrare una immagine benevola del PCC.

Non solo in Italia non si è levata nessuna voce governativa che chieda spiegazioni a Pechino, ma anzi il pubblico sembra accogliere favorevolmente l’arrivo di equipe di medici e materiale sanitario come mascherine e respiratori. L’italia aveva a sua volta inviato aiuti sanitari in Cina nei mesi scorsi.

Alcuni media del PCC hanno usato una parte del discorso di Giuseppe Remuzzi, che affermava come già a novembre si siano riscontrati casi di polmonite sconosciuta. La notizia è rimbalzata anche sui social media e Pechino ha insinuato che, a detta degli esperti stessi italiani, il virus sarebbe potuto sorgere prima nel bel paese.

«Non c’è alcun dubbio che il virus sia cinese. Questo è un esempio da manuale, da insegnare nelle Università, su come si possa manipolare l’informazione scientifica per ragioni di propaganda». Remuzzi ha dovuto specificare al Quotidiano italiano Il Foglio che una parte delle sue affermazioni sono state utilizzate da Pechino a scopi propagandistici.

In molti ora si chiedono se le istituzioni italiane chiederanno conto a Pechino per il diffondersi del contagio.