Scandalo Mulan: I Legali USA Chiedono Risposte Alla Disney

Mulan aveva già ottenuto l'hashtag dei social media #boycottMulan dopo che una delle sue star, Liu Yifei, aveva dato supporto tramite Weibo alla polizia di Hong Kong.
Mulan film Disney
Un poster digitale per il controverso film Disney "Mulan" visto in un cinema di Bangkok, in Thailandia. (Immagine: Vision Times)

venti legali statunitensi hanno chiesto all’amministratore delegato della Disney una spiegazione sul perché il film Mulan è stato girato con l’assistenza delle forze di sicurezza cinesi nello Xinjiang. Qui oltre un milione di uiguri e altri musulmani turchi sono tenuti in campi di rieducazione.

Il deputato Christopher H. Smith, insieme ai senatori Marco Rubio e Tom Cotton, sono stati tra i 20 che hanno firmato una lettera a Bob Chapek, CEO della Disney. L’obiettivo è capire perché il gigante dei media ha lavorato con le autorità di sicurezza e propaganda cinesi durante la produzione di Mulan. Il film è appena uscito nei cinema cinesi l’11 settembre.

La lettera congiunta dei legislatori segue un clamore pubblico per la notizia che i titoli di coda del film a grosso budget includevano il ringraziamento al «Turpan Municipal Bureau of Public Security» e al «Publicity Department of CPC Xinjiang Uyghur Autonomous Region Committee» più altri elementi di propaganda a livello locale.

detenzione Uiguri Xinjiang
Una foto scattata dai social media ritenuti essere di uiguri e altri musulmani turchi tenuta in un campo di rieducazione da qualche parte nello Xinjiang.(Immagine:
supplied)

Negato su crimini all’umanità

La lettera dei legislatori, datata 11 settembre, ha sottolineato che un dipartimento del governo degli Stati Uniti ha elencato il citato Turpan security bureau per «violazioni e abusi dei diritti umani nell’attuazione della campagna cinese di repressione, detenzione arbitraria di massa e sorveglianza ad alta tecnologia contro uiguri, kazaki e altri membri di gruppi di minoranza musulmana» nella regione dello Xinjiang.

La lettera sottolineava che il «Dipartimento di Pubblicità (o Propaganda) dello Xinjiang – che è un braccio del Partito Comunista Cinese (PCC) – ha negato, distorto e altrimenti coperto questi crimini contro l’umanità che includono anche il lavoro forzato e una campagna di sterilizzazione di massa, aborti forzati, e la soppressione delle nascite contro gli uiguri».

I legislatori hanno continuato affermando che le informazioni disponibili al pubblico prima delle riprese di Mulan del 2018 hanno rivelato la realtà dei campi di internamento di massa in cui sono detenuti gli uiguri.

«Entro il 1° luglio 2018, i principali organi di informazione di Stati Uniti, Australia, Regno Unito e Hong Kong avevano tutti riferito che Pechino aveva internato centinaia di migliaia, se non più di un milione, di uiguri e minoranze nella XUAR [Regione Autonoma degli Uiguri dello Xinjiang]», si legge nella lettera. «La decisione di filmare parti di Mulan nella XUAR, in collaborazione con elementi di sicurezza e propaganda locali, offre una tacita legittimità a questi autori di crimini che possono giustificare la designazione di genocidio».

Shangai Disneyland Park
Disney ha collaborato con lo Shanghai Shendi Group, di proprietà dello Stato, per lo Shanghai Disneyland Park, nella foto sopra. Il Shanghai Shendi Group ha il controllo delle azioni del parco che è stato inaugurato nel 2016. (Immagine: pixabay.com)

Ne siete a conoscenza?

La lettera è poi passata a richiedere a Chapek informazioni sul coinvolgimento dello Stato cinese nelle riprese di Mulan nello Xinjiang.

Tra le domande c’erano quelle che chiedevano quanto fossero coinvolte le entità di sicurezza e propaganda comuniste nelle riprese di Mulan. Se ci fossero inoltre requisiti contrattuali fatti da o richieste fatte alla Disney da queste entità e da qualsiasi altra entità del PCC o della Repubblica Popolare Cinese (RPC) per avere i loro nomi nei crediti.

I legali hanno anche chiesto a Chapek di descrivere in che misura gli ufficiali e gli alti dirigenti della Disney erano a conoscenza, durante le riprese di Mulan, del fatto che lo Stato stava conducendo una campagna di sorveglianza e detenzione di massa contro gli uiguri e altre minoranze musulmane nello Xinjiang.

«Se non ne erano a conoscenza, in che modo la Walt Disney Company si assicurerà che i suoi funzionari e dirigenti siano informati della sorveglianza di massa e delle detenzioni di massa segnalate pubblicamente in futuro?»

Turpan City Education Correction Center google earth
Una vista satellitare del Turpan City Education Correction Center (42,955212°, 89,242028°), trovata dal ricercatore Shawn Zhang su Google Earth. Turpan era l’area dello Xinjiang dove è stato girato Mulan. (Immagine: Google Earth)

Perché avete continuato le riprese di Mulan?

Un’altra domanda era: «Descrivete in che misura i team di produzione e di produzione erano a conoscenza della sorveglianza e della detenzione di massa degli uiguri e di altre minoranze musulmane nella XUAR mentre facevano ricerche e filmavano la location?»

«Descrivete il ragionamento che ha portato The Walt Disney Company ad andare avanti con le riprese di Mulan alla luce di questi rapporti ampiamente disponibili e credibili della RPC e dei gravi abusi dei diritti umani commessi dal PCC nella XUAR, e se le riprese all’interno della XUAR erano legate alla garanzia di accesso al mercato della RPC», essendo un altro esempio.

A partire dalla pubblicazione di questo articolo, la Disney non ha commentato la controversia sul credito di ringraziamento Mulan o le sue riprese nello Xinjiang.

Mulan aveva già ottenuto l’hashtag dei social media #boycottMulan. Questo, dopo che una delle sue star, Liu Yifei, aveva dato supporto tramite Weibo alla polizia di Hong Kong durante le proteste a favore della democrazia nella città l’anno scorso. Liu interpreta il ruolo principale del film.

Ecco un reportage della Buoncostume sui musulmani in via di estinzione della Cina. Sotto copertura nel posto più distopico del mondo – prima trasmissione nel giugno 2019.

Tradotto da: Monica Padoan

Articolo in inglese: https://www.visiontimes.com/2020/09/14/us-lawmakers-demand-answers-from-disney-over-mulan-xinjiang-scandal.html