Sgomberata Dalla Polizia la «CHAZ» Di Seattle

La città di Seattle
La città USA di Seattle. (Immagine: Pixabay / CC0 1.0 )

Recentemente la polizia di Seattle ha sgomberato la zona occupata denominata «CHAZ». Essa era stata occupata nel corso delle proteste in seguito all’uccisione di George Floyd, dove dei gruppi di rivoltosi avevano preso il controllo di alcuni quartieri nella parte centrale della città dichiarando l’indipendenza della «Zona autonoma di Capitol Hill».

Nella zona ci sono state numerose sparatorie e l’area occupata era diventata terreno di scontro. Erano state installate delle barriere e per entrare era necessario mostrare i documenti agli occupanti. Sono state viste delle guardie armate pattugliare i dintorni, dalla provenienza sconosciuta. Trump aveva chiesto ai governanti locali di sgomberare la zona.

Lo scorso 23 giugno il sindaco della città Jenny Durkan si era espressa dicendo che era arrivato il momento di riprendere il controllo della stazione di polizia, ma aveva inoltre chiarito che la polizia sarebbe tornata al proprio posto «pacificamente e gradualmente».


Gli agenti in tenuta antisommossa e con mezzi pesanti hanno infatti sgomberato l’area occupata di Capitol Hill senza trovare molta resistenza, rimuovendo gli sbarramenti e riprendendo il controllo della stazione di polizia che era stata abbandonata qualche tempo fa.

«Siamo lieti di comunicarvi che la legge e l’ordine hanno trionfato e che Seattle è stata liberata dagli anarchici», sono state le parole di Kayleigh McEnany, capo ufficio stampa della Presidenza degli Stati Uniti.

Il capo della polizia Carmen Best ha dichiarato inoltre : «Il nostro compito è appoggiare le manifestazioni pacifiche, ma quello che è successo nelle ultime settimane è l’assenza di legge, brutalità e semplicemente una situazione inaccettabile».