Storie dai requisiti per un buon studente (1): A casa, sii devoto verso i genitori

In questa serie presentiamo alcune antiche storie cinesi che esemplificano le preziose lezioni di un antico testo cinese sulla morale. Il primo capitolo introduce il concetto cinese di xiao (孝), o dovere filiale verso i propri genitori.
Min Ziqian pietà filiale
Min Ziqian del periodo delle Primavere e degli Autunni (770 a.C - 476 a.C) divenne un esempio morale di pietà filiale. (Immagine: Clearwisdom.net)

“Requisiti per essere un bravo bambino e studente” (Di Zi Gui, 弟子 規) è un libro di testo cinese tradizionale per bambini che insegna la morale e i corretti comportamenti, compresa la pietà filiale. Fu scritto da Li Yuxiu della Dinastia Qing, durante il regno dell’imperatore Kang Xi (1661-1722). In questa serie presentiamo alcune antiche storie cinesi che esemplificano le preziose lezioni del Di Zi Gui. Il primo capitolo introduce il concetto cinese di xiao (孝), o dovere filiale verso i propri genitori.

Secondo la cultura tradizionale cinese, la pietà filiale, il rispetto per i genitori e gli antenati, è una delle virtù umane fondamentali. Non sorprende che il Di Zi Gui inizi istruendo i suoi studenti su come comportarsi in questo ambito:

親愛 我 孝 何 難
親 憎 我 孝 方 賢

Se i miei genitori mi amano
Essere filiale non è difficile
Se mi disprezzano
La mia pietà filiale è veramente nobile

La pietà filiale di Min Ziqian commuove la sua sprezzante matrigna

La storia della matrigna cattiva non è esclusiva delle fiabe europee. Durante il periodo cinese delle Primavere e degli Autunni (770-476 a.C.), nella parte orientale del Paese viveva un uomo di nome Min Ziqian. Da bambino aveva perso sua madre e suo padre si era risposato con un’altra donna.

Ziqian trattava la matrigna con lo stesso rispetto della madre naturale. Tuttavia la nuova moglie dell’anziano Min non gli restituiva il favore, e trattava i suoi figli naturali molto meglio di come trattasse Ziqian.

Un inverno la matrigna preparò le giacche per i tre bambini. Mentre i vestiti per i suoi figli erano imbottiti di calde piume, la giacca di Ziqian era fatta con materiali sottili provenienti dalla canna. La sua giacca appariva spessa, ma in realtà tratteneva poco il calore.

Il tempo si era fatto freddo e rigido. Una volta l’anziano Min chiese a Ziqian di guidare la sua carrozza. Questi aveva così freddo che riusciva a malapena a tenere le redini. Sconvolto suo padre lo rimproverò, ma Ziqian rimase in silenzio.

Il padre notò presto che suo figlio era pallido e tremante. Quando gli strappò la giacca e la esaminò la sua rabbia si trasformò poi in sorpresa, faceva decisamente troppo freddo per quell’abbigliamento.

Al ritorno a casa il padre infuriato chiese il divorzio dalla crudele moglie. Ma quando lo seppe Ziqian lo supplicò in lacrime di non farlo.

“Con la mamma in famiglia, avremo solo un bambino che soffre il freddo. Se se ne andrà, tutti e tre i tuoi figli si congeleranno”.

La matrigna finalmente comprese l’errore nei suoi modi e da quel momento in poi estese il suo amore a tutti i figli dell’anziano Min.

Può sembrare ingiusto o stupido sopportare in silenzio le difficoltà immeritate. Tuttavia Ziqian prese in considerazione il benessere di tutta la sua famiglia e credette nella capacità della matrigna di essere buona. Di conseguenza la sua storia venne ricordata e divenne un esempio di pietà filiale in circostanze difficili.

Evitare attività inutili: l’educazione di un generale di successo

Riguardo la pietà filiale, il Di Zi Gui sottolinea che la moralità deve essere sviluppata come abitudine e deve divenire una questione di principio. Anche i piccoli atti dovrebbero essere evitati se non sono giusti.

事 雖 小 勿 擅 為
苟 擅 為 子 道 虧

Anche se la questione è piccola
Non gestirla arbitrariamente
Gestirla arbitrariamente
Danneggia la tua integrità morale

物 雖 小 勿 私藏
苟 私藏 親 心 傷

Anche se la cosa è piccola
Non tenerla per te
Tenerla per te
Porta tristezza ai tuoi genitori

Gli antichi cinesi, dai contadini alle classi più elevate, enfatizzavano l’importanza della frugalità e del comportamento diligente. L’eccesso era guardato con disapprovazione e di solito rappresentava il segno di una società o di una famiglia in declino. Molti statisti e ufficiali militari che si erano fatti un nome sono stati in grado di resistere alla decadenza, spesso negli anni della formazione e sotto la stretta guida dei loro genitori.

Qi Jiguang (1528 – 1588) fu un generale che prestò servizio durante la Dinastia Ming, svolgendo un ruolo decisivo nello sconfiggere le orde di pirati che affliggevano la costa cinese.

Qi Jiguang
Durante la dinastia Ming, Qi Jiguang (1528 – 1588) e il suo coraggioso esercito difesero la costa orientale della Cina da un’incursione dei pirati giapponesi (wokou). (Immagine: tramite The Epoch Times)

Qi nacque in una famiglia di ufficiali militari. Era l’unico figlio maschio della sua famiglia e suo padre, Qi Jingtong, lo apprezzava molto. L’anziano Qi gli insegnò personalmente la lettura di Jiguang e le arti marziali. Tuttavia prestò anche molta attenzione alla moralità e alle abitudini del figlio.

Quando Jiguang aveva 13 anni, ricevette in dono dal nonno materno un paio di belle scarpe di seta. Deliziato, camminò avanti e indietro in cortile, sentendosi molto contento di se stesso.

Quando suo padre lo vide però, lo chiamò nel suo studio e lo rimproverò.

“Una volta che avrai delle belle scarpe, sognerai naturalmente di indossare bei vestiti. Una volta che avrai bei vestiti, sognerai naturalmente di mangiare del buon cibo. In così giovane età hai preso l’abitudine di godere del buon cibo e dei bei vestiti. In futuro avrai un’avidità insaziabile”.

“Quando crescerai, perseguirai cibo delizioso e bei vestiti”, proseguì il padre di Jiguang. “Se diventerai un ufficiale militare potresti sottrarre persino gli stipendi dei soldati. Se continui ad essere così ti sarà impossibile riuscire nell’impresa dei tuoi anziani”.

Qi Jingtong sapeva dove Jiguang aveva preso le scarpe. Tuttavia gli chiese di toglierle e di farle a pezzi.

Jiguang decide di far una semplice ristrutturazione

Esperienze come quella sopra hanno temperato il carattere di Jiguang man mano che cresceva. Tuttavia, a volte, il giudizio di suo padre era ancora necessario.

Una volta Qi Jingtong incaricò diversi artigiani di rinnovare la loro proprietà. Più di una dozzina di stanze erano in cattive condizioni e dovevano essere rese presentabili per i visitatori della corte imperiale. L’anziano Qi decise di far montare nella sala principale quattro porte con motivi floreali finemente intagliati e affidò a Jiguang la supervisione dei lavori.

Ma una volta che Qi Jingtong se ne andò, gli artigiani iniziarono a provare a convincere Jiguang ad aggiungere altre porte intagliate. Ragionarono con lui in privato: “I tuoi anziani sono generali. Per una famiglia così nobile e ricca, tutte le porte della casa dovrebbero essere intagliate, con motivi floreali, e le porte diventeranno così in totale dodici. Solo facendo così rispetterai lo stato sociale della tua famiglia”.

Ragionando sull’argomentazione Jiguang andò da suo padre, che respinse rapidamente l’idea. “Se insegui e ti concedi alla vanità, non sarai in grado di ottenere grandi cose quando crescerai”, lo avvertì.

Nel corso della sua educazione, Qi Jingtong sottolineò a suo figlio che lo scopo ultimo di tutti i suoi studi accademici e addestramenti nelle arti marziali era servire la nazione e il suo popolo. La fama, il rango e la ricchezza personali erano strettamente secondari.

Grazie a suo padre, Qi Jiguang si applicò diligentemente in questa missione. L’abilità e la competenza che sviluppò gli permisero di tenere a bada i pirati invasori per molti anni.

Tradotto da: Andrea Murgia

Articolo in inglese: https://www.visiontimes.com/2021/05/03/stories-from-the-students-rules-1-at-home-be-dutiful-to-parents.html