Una normativa entrata in vigore il 30 giugno, impone di ritirare i libri “pro-democrazia” per garantire l’uniformità con la nuova legge sulla sicurezza. Un nuovo pretesto per il regime cinese per sopprimere il movimento democratico che da tempo sta cercando di far rispettare l’autonomia di Hong Kong. Tra i libri ritirati ci sono quelli di due importanti esponenti democratici, Joshua ...