Tensione nel Mar Mediterraneo, Grecia e Turchia ai ferri corti

turchia grecia tensioni mediterraneo

Tensioni tra Grecia e Turchia, protagoniste di uno scontro acceso nel Mar Mediterraneo. Oggetto della contesa sembrano essere le risorse energetiche. Il 12 agosto, secondo quanto riportato da fonti giornalistiche, la nave da esplorazione turca Oruc Reis sarebbe stata disturbata dalla fregata greca Limnos.

A quel punto stando a quanto raccontano fonti turche, la nave Kemal Reis che era di scorta ha speronato e danneggiato la fregata greca, costringendola al rientro. Ma i resoconti delle diverse parti sull’accaduto non corrispondono. La situazione è ora al vaglio delle istituzioni europee e degli attori principali come Germania e Francia, Turchia e Grecia.

La Turchia non riconosce i perimetri di zone economiche esclusive (ZEE) della Grecia, ecco perchè si trovava e ancora negli ultimi giorni si è trovata, nelle acque al largo dell’isola di Castellorizo. Il presidente Erdogan ha ripreso le attività dopo circa 10 giorni di pausa, accusando di «non potersi fidare» della Grecia.

Il presidente Francese Emmanuel Macron ha espresso il suo sostegno al partner EU greco, agendo concretamente per portare navi e aerei più vicini alle zone critiche.