Yu Wensheng, avvocato cinese in carcere, insignito del premio per i diritti umani

«È un onore per mio marito, ma anche un esempio di incoraggiamento per tutti i difensori cinesi dei diritti umani a proseguire il loro lavoro nonostante le difficoltà», ha detto la moglie Xu.
Xu Yan moglie avvocato cinese
Xu Yan, moglie dell'avvocato per i diritti umani Yu Wensheng, davanti al centro di detenzione della città di Xuzhou il 30 ottobre 2019. Xu ha in mano un foglio di carta con la data del compleanno di Yu l'11 novembre prossimo, la quale ha segnato 680 giorni di detenzione a Xuzhou.  (Immagine: Nicolas Asfouri / AFP tramite Getty Images)

L’avvocato cinese di 54 anni Yu Wensheng, rinchiuso in prigione, ha vinto il premio internazionale per i diritti umani. È stata riconosciuta la sua lotta per la giustizia. Yu, ha ricevuto la nomina di vincitore del premio Martin Ennals 2021 durante una cerimonia online, trasmessa l’11 febbraio in livestreaming da Ginevra.

«Nel 2020, le autorità cinesi hanno perseguitato i difensori dei diritti umani che sollevavano preoccupazioni sul covid, difendevano le minoranze etniche e si ergevano contro la corruzione», ha detto Andrew Anderson, direttore esecutivo di Front Line Defenders e membro della giuria. «Yu Wensheng e sua moglie Xu Yan meritano tutto il nostro sostegno mentre chiedono coraggiosamente i diritti umani fondamentali e lo stato di diritto», ha aggiunto.

Yu era tra i tre finalisti del concorso selezionati da una giuria di 10 organizzazioni mondiali per i diritti umani. Tra di loro c’erano Amnesty International e Human Rights Watch. Gli altri due finalisti erano Loujain al-Hathloul, Arabia Saudita, e Soltan Achilova, Turkmenistan.

difensori diritti umani

Una dichiarazione della Fondazione Martin Ennals ha affermato che tutti e tre si sono distinti per il loro coraggio e il profondo impegno per i diritti umani. Questo, nonostante i numerosi tentativi dei loro governi autoritari di metterli a tacere.

Meritati riconoscimenti e libertà per l’avvocato cinese Yu Wensheng

«Alla vigilia del nuovo anno cinese, speriamo che questo riconoscimento del lavoro di Yu Wensheng faccia luce sui suoi successi e lo aiuti a riconquistare la libertà che ha perso», ha detto Philippe Currat, presidente del consiglio della Fondazione Martin Ennals.

La fondazione ha detto che Yu è detenuto dal 2018; ha ricevuto molestie, cancellazione dall’albo e condanna in segreto per incitamento alla sovversione contro il potere statale.

A metà giugno dello scorso anno le autorità hanno informato sua moglie Xu Yan che era stato processato segretamente nel maggio 2019. Oltre ad una condanna a 4 anni di carcere, sarà privato dei diritti politici per altri tre anni

Xu ha accolto con favore la notizia della nomina di suo marito per il premio

«È un onore per mio marito, ma anche un esempio di incoraggiamento per tutti i difensori cinesi dei diritti umani a proseguire il loro lavoro nonostante le difficoltà», ha detto Xu.

«Mio marito ha sempre aiutato gli altri e difeso lo stato di diritto. Non è mai stato colpevole e dovrebbe essere assolto immediatamente», ha detto.

Yu Wensheng è stato anche il destinatario del premio franco-tedesco per i diritti umani e lo stato di diritto nel gennaio 2019. Sua moglie ha ricevuto il premio a suo nome.

Yu Wensheng è effettivamente detenuto dal governo. È stato arrestato mentre portava suo figlio adolescente a scuola il 19 gennaio 2018. In precedenza, aveva «pubblicato un post in cui chiedeva che il Congresso nazionale del PCC [Partito comunista cinese] rimuovesse Xi Jinping dall’incarico e che la riforma costituzionale migliorasse il sistema legale e politico», ha sottolineato una dichiarazione rilasciata da un insieme di gruppi civici e di diritti a metà dello scorso anno.

Amnesty ha descritto Yu Wensheng quale importante avvocato dei diritti umani di Pechino che ha rappresentato, tra gli altri, il collega Wang Quanzhang e i praticanti del Falun Gong.

Yu è stato anche precedentemente detenuto per 99 giorni nel 2014 dopo aver espresso il suo sostegno alle proteste pro-democrazia a Hong Kong. Ha raccontato ad Amnesty di essere stato torturato durante la detenzione.

Guarda questo video della Fondazione Martin Ennals basato su una lettera di Xu Yan al marito imprigionato Yu Wensheng.

Rory Karsten
Rory Karsten è lo pseudonimo di un giornalista che lavora e viaggia in Asia. Ha scritto sulla regione per più di dieci anni con particolare attenzione alla Cina e ai diritti umani.

Tradotto da: Monica Padoan

Articolo in inglese: https://visiontimes.com/2021/02/14/imprisoned-chinese-lawyer-yu-wensheng-wins-international-rights-award.html