Zuckerberg: il DNA di una persona potrebbe essere alterato dai vaccini

Il gigante dei social media ha spiegato che sta cercando di combattere la disinformazione sul virus CCP e sui vaccini. Altre dichiarazioni vietate includono affermazioni che COVID-19 sia artificiale e che i vaccini siano inefficaci o pericolosi.
Zuckerberg
WASHINGTON, DC - 28 OTTOBRE: L'amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg appare su un monitor mentre testimonia a distanza durante l'udienza del Comitato Commercio, Scienza e Trasporti del Senato: "L'immunità radicale della Sezione 230 consente un cattivo comportamento della Big Tech?" Dorsey; la controllata Google Facebook Mark Zuckerberg ha testimoniato virtualmente all'udienza. La sezione 230 del Communications Decency Act garantisce che le società tecnologiche non possono essere citate in giudizio per i contenuti sulle loro piattaforme, ma il Dipartimento di Giustizia ha suggerito di limitare questa legislazione. Zuckerberg non consente agli utenti di Facebook di esprimere le stesse preoccupazioni che aveva personalmente sui vaccini contro il coronavirus. (Foto di Michael Reynolds-Pool / Getty Images)

In una riunione virtuale dello staff lo scorso luglio, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha espresso la preoccupazione che i vaccini contro il coronavirus possano cambiare il DNA di una persona.

Zuckerberg riguardo al DNA

Il CEO ha dichiarato nella chat video: «Voglio solo assicurarmi di esprimere una certa cautela su questo perché non conosciamo gli effetti collaterali a lungo termine sul DNA e sul RNA di una persona. Inoltre non riusciamo a codificare la capacità di produrre quegli anticorpi e non sappiamo se ciò causa altre mutazioni o altri rischi a posteriori… Quindi bisogna lavorare su entrambi i percorsi di sviluppo del vaccino».

A novembre, Zuckerberg ha espresso al dottor Anthony Fauci (consigliere del presidente e membro della task force della Casa Bianca sui coronavirus), le sue preoccupazioni. Fauci ha detto che i vaccini non avrebbero mai alterato il DNA. Ha evidenziato che il DNA è inerente alla cellula nucleare di una persona. Dunque, qualsiasi cosa estranea che tenta di inserirsi in esso, alla fine verrà eliminata. Il CEO di Facebook è stato soddisfatto della risposta.

D’altra parte, un portavoce di Facebook ha detto che le preoccupazioni del CEO di luglio sono state espresse quando lo sviluppo del vaccino contro il coronavirus era nelle sue prime fasi e nessuno ne sapeva molto. I risultati della fase iniziale del vaccino sperimentale di Moderna erano usciti da poco, utilizzando l’innovativa tecnica dell’RNA messaggero (mRNA). I vaccini contro il coronavirus sono i primi vaccini mRNA che la Food and Drug Administration ha approvato.

La gente ha molte preoccupazioni al riguardo

Poiché si tratta di una tecnologia nuova e sperimentale, c’erano molte preoccupazioni al riguardo. Infatti un vaccino tradizionale inietta un germe indebolito nel corpo umano per combattere il virus e sviluppare l’immunità. Invece un vaccino mRNA imbroglia le cellule del corpo perché producano anticorpi in modo da combattere il virus.

La gente ha messo in dubbio che il vaccino mRNA possa alterare il DNA di una persona. Ha sostenuto che lo scorso novembre i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) avevano confutato tale possibilità.

flacone di vaccino anti covid-19
Lo scorso luglio Zuckerberg ha sollevato la possibilità che i vaccini alterino il DNA.  (Immagine: pixabay/CC0.1.0)

L’8 febbraio, Facebook ha aggiornato le sue norme sul COVID-19 e le vaccinazioni, affermando che avrebbe rimosso i contenuti che sfidavano la narrativa tradizionale. Una di queste affermazioni include la questione relativa al fatto che i vaccini cambiano il DNA delle persone. Il gigante dei social media ha spiegato che sta cercando di combattere la disinformazione sul virus del PCC e sui vaccini. Altre dichiarazioni vietate includono affermazioni che il COVID-19 sia artificiale e che i vaccini siano inefficaci o pericolosi.

Dichiarazione della piattaforma di social media

La piattaforma dei social media ha dichiarato : «Gruppi, Pagine e account su Facebook e Instagram che condividono ripetutamente queste affermazioni smentite possono essere rimossi del tutto. Stiamo anche richiedendo ad alcuni amministratori di gruppi con amministratori o membri che hanno violato le nostre politiche sul COVID-19 di approvare temporaneamente tutti i post all’interno del loro gruppo. Le affermazioni su COVID-19 o sui vaccini che non violano queste politiche saranno ancora ammissibili per la revisione da parte dei nostri verificatori di fatti di terze parti, e se sono valutati falsi, saranno etichettati e retrocessi».

Project Veritas è il comitato di vigilanza del giornalismo che a luglio ha pubblicato il video di Zuckerberg. Il gruppo di media ha detto che è ipocrita che il CEO di Facebook possa avere la libertà di esprimere le sue preoccupazioni sui vaccini che alterano il DNA delle persone. Mentre agli utenti di Facebook sia vietato.

Il presidente di Project Veritas, James O’Keefe, ha detto che la politica aggiornata di Facebook censurerebbe Zuckerberg se in questo momento dovesse sollevare una tale richiesta. Egli sottolinea il fatto che Zuckerberg permette che il suo pensiero sui vaccini cambi. Ma una volta che ha deciso su una questione, vieta a tre miliardi di persone di fare le stesse domande.

Tradotto da: Monica Padoan

Articolo in inglese: https://visiontimes.com/2021/02/22/zuckerberg-concerned-that-covid-19-vaccines-alter-dna.html